Due ori per Pavan Free Bike nelle Santa Cruz Series, premiato anche come miglior team

Due ori per Pavan Free Bike nelle Santa Cruz Series, premiato anche come miglior team

Dopo le tre vittorie nel circuito Orobie Cup Challenge, ne arrivano altre due nel challenge cross country che ha aperto la stagione 2019, coronato per Pavan Free Bike anche dal premio come Best Team.

In una domenica senza vittorie, arrivano altre due successi per Pavan Free Bike. A metterli a segno, il giovane atleta bresciano Cristian Vaira e la veterana Paola Bonacina che dopo essersi assicurata la vittoria finale nel circuito provinciale Orobie Cup Challenge, ha portato a termine da leader anche le Santa Cruz Series. Pavan Free Bike è stato premiati anche come “Best Team” in virtù della classifica finale.

Due vittorie della classifica generale, vittoria come miglior team, un terzo posto con Monica Maltese nella categoria Master Woman 1, un secondo con Karin Tosato nella Master Woman 2, Top 5 con Cristian Boffelli nella Elite Sport 2, questo il bottino conclusivo del team nel circuito nazionale che spaziando attraverso quattro regioni e ben cinque province, ha coronato una stagione importante per la squadra di Sovico.

A tracciare un primo bilancio del 2019 è il presidente Antonio Pavan: “Siamo al termine di un altra lunga ed intensa stagione nella quale siamo riusciti a confermarci ai vertici della mountain bike nazionale e non solo, se penso al titolo europeo conquistato da Karin Tosato e le medaglie d’argento ai mondiali in Canada. I risultati sono l’indice che testimonia il grande valore della rosa che abbiamo costruito nei mesi invernali, ci rimangono ancora da affrontare le ultime gare nelle quali correremo per divertirci, ma sono sicuro che, nonostante si tratti degli ultimissimi appuntamenti del 2019, i nostri ragazzi li onoreranno come hanno sempre fatto in questa grande annata”

Cristian Vaira, vincitore delle Santa Cruz Series, categoria Elite Sport 2

Prima che il sipario cali definitivamente sulla stagione 2019 di Pavan Free Bike, infatti rimane ancora da affrontare l’ultimo impegno ufficale, la Roc d’Azur, un appuntamento tutto da vivere che farà da epilogo ad un’altra stagione di straordinari risultati che ha visto i ragazzi diretti da Claudio Cossa e Guido Colombo conquistare sin qui ben 47 successi, 50 medaglie d’argento e 37 medaglie di bronzo, per un totale di 134 podi in appena 47 giornate di gara. Numeri di assoluto valore che comprendono i titoli di Campionessa Europea Cross Country di Karin Tosato, quello tricolore individuale di Renato Cortiana e quello a squadre Team Relay, senza dimenticare le medaglie d’argento di Paola Bonacina agli europei in Repubblica Ceca e quelle di Karin Tosato e Ivan Zulian ai mondiali Master in Canada.

Risultati che testimoniano la grinta e la determinazione di tutto il gruppo, protagonista anche nell’ultima gara delle Santa Cruz Series, in cui Karin Tosato, seconda tra le donne amatori e Renato Cortiana, settimo assoluto nella gara Open, hanno onorato le loro maglie. Paola Bonacina e Cristian Vaira, secondi nelle rispettiva categorie hanno messo in cassaforte il successo finale nel circuito, già sicuro per la biker bergamasca, ancora in discussione per il bresciano che con un secondo posto ha risolto a suo favore la classifica finale Elite Sport 2, incerta fino all’ultima gara di Santa Lucia ai Monti.

”Sono arrivato a questa gara motivato al massimo a fare bene, sapendo che mi sarei giocato la vittoria finale del challenge” – commenta il 25enne della Val Camonica – “Ero anche consapevole che dopo la lunga stagione di gare, le energie nel serbatoio si sono ridotte, però con tanta determinazione ho cercato di condurre la miglior gara possibile, strappando un ottimo secondo posto di categoria, sufficiente ed aggiudicandomi la vittoria finale!
Sono felicissimo a dir poco, pensando a quanto ho battagliato nelle dieci gare per arrivare a questa vittoria, per me è davvero un gran risultato ed una grandissima soddisfazione aver raccolto i frutti di tanto lavoro, pensando a quanto impegno, allenamento, sacrificio e determinazione ci ho messo. Ora un pò di meritato relax e divertimento in sella alla mia Superior Team 29 Elite sui sentieri di casa, in attesa della trasferta ad ottobre in Francia per la Roc D’Azur”