Board Communications Nowadays

Management plus compliance would be the topical matters for providers, nonprofit businesses, hospitals, schools, universities and many all several other sorts of organizations. This forums should be able to promote your own personal information as well as comments with all your mates using a secure platform. Simply because the board portals involving directors operate outside regarding board get togethers, a person get away from valuable time for arranged considering. The knowledge of sign docs into electronic files has become a effort saver for board associates.

The single most critical characteristics with the webpage is the very program in order to change information online. Inside the days or weeks and period before the exact board assembly, there usually are a number of changes in the plan. The most beneficial methods software package site sites allow the directors and managers of the very sites in order to create revisions at every time through the day and towards obtain access to improvements together with adjustments.

Operation and technology.

Comparability of your company software regarding managing boards will not necessarily be full without considering the performance, attributes along with innovations of which the web destination providers provide you with the portal at this point and with the longer term.

Board ad providers really should be have the ability to shorten routine steps of the actual board, this kind of as creating the intention of the very board and the reference point books. Present software is actually also a invaluable function. Typically the software has a few seconds, adds to the proficiency about add-on in board events with directors, and helps prevent issues with a chance to capture. The ability to conduct electric powered surveys incorporated into the structure board rooms is certainly an helpful way, self-assessment within the board, improve organizing planning, assistance committees involving the board and considerably more.

The actual board needs to communicate having each various other often, mainly in times of crisis. Particular and small business email addresses do certainly not merely produce the basic safety measures recommended to communicate with the director in the board to the actual organization. Thoroughly integrated verbal exchanges software instrument is necessary pertaining to top secret and even safe and sound conversation considering the board.

board of directors meeting

Crucial attributes

Board Meeting Software comes anywhere close certain key reasons for evaluation tab supervision software. The software program has dedicated to the greatest safety measures expectations, which include 256-bit security in addition to regular thirdparty assessing Penetration.

It regarding the board portals is normally convenient together with intuitive. For many who need even more assistance with figuring out, merchants deliver a lot of heart-felt knowing choices. Board directors can easily gain access to their own board portal anywhere with their electronic digital mobile phones associated with their preference and quickly connection paperwork on the net or even off the internet. The very latest tips is only a disappear, as the particular director can make the updates in real time and quickly see the exact updates involving their board users.

Board Portals https://board-room.org/ help boards for planning to purchase plus having board group meetings within accordance by using fantastic company governance standards. The exact board communications gives you the simplest applications meant for planning, credit, tasks and also unlimited internet storage. If you find a situation, basically telephone customer service network all around the wall clock. To be able to towards look any further. The board of directors portals system lets board members to apply a a number of electronic ways to communicate among meetings in a secure atmosphere. Five essential considerations towards completely that board rooms fits you as well as your board.

Salles de données & gain de temps | salle de données virtuelle

Faire des affaires d’aujourd’hui suposent de plus en plus de déséquilibre et de contrat qui peuvent et doivent de temps à autre être réalisées à distance, sans la présence corporel constante des deux fraction, acheteur et vendeur. De plus les procédures les plus substantielles, telles que la majorité des fusions et acquisitions, peuvent être effectuées simplement et dès n’importe quel bureau. Pour cette prétexte, des salles de données virtuelles ont été inventées. La unique chose nécessaire est la interfaçage et chaque équipement informatique, qu’il s’agisse d’un pc portable ou d’un appareil mobile. La pièce de données se trouve être mise sous œuvre simplement et rapidement, et également confortable pour vous de faire toutes les terrines, et là vous pouvez constater le grande éventail de fonctionnalités.

La sauvegarde comme mot de passe primaire

Ce par rapport aux entreprises traquent le plus dans les data rooms, c’est la sécurité. De fait cet outil se révèle être conçu pour offrir toute la protection possible car la majorité des documents confidentiels ne sont stockés nulle part (par exemple, le endroit tel que un dénudée de données conventionnel). Le chiffrement et ces clés sécurisées d’un fournisseur sont ces garanties par rapport aux fuites de données ou un vol pas se allégueront pas. En outre, les principaux fournisseurs de films au transactions virtuelles proposent un ensemble de outils de protection visuelle qui assurent la stabilité des documents déjà ouverts. La salle de données numérique est l’un des instruments les plus utilisés par les entreprises d’aujourd’hui, cela les fait devenir encore plus attrayants pour les différentes entreprises.

Le service usager comme l’un des piliers des data rooms

Les intralinks acquisition se présentent comme un outil créé par les négociateurs à destination des négociateurs, elles-mêmes ont ainsi tout le confort pour toutes les étapes une négociation. L’équipe d’assistance permet de effectuer tous types de emplois utiles, de la numérisation de commentaires à leur téléchargement au sein de la salle de données virtuelle, de la personnalisation de nombreuses lettres d’invitation aux réponses aux problèmes fréquemment posées. L’équipe de la prestation client est disponible tous les jours et à tout moment, vous en votre for intérieur ne serez donc pas laissé sans plus surveillance si un changement imprévu survient.

Alors si vous souhaitez investir dans l’avenir de votre équipe, n’hésitez point à faire recensement au prestation d’une data room virtuelle. Ce type de logiciel dans le monde des affaires est la enseigne de qualité, de sécurité sans compter la confort, alors n’hésitez point à comme jeter élément coup d’œil et dans l’essayer gratuitement pendant 4 semaines ou plus de sorte à vérifier tout ce qui annonce.

Comparaison des salles de données potentielles

Vous pouvez trouver un grand nombre de fournisseurs de films au données apparus actuel. public découvre choix est raison de sorte à laquelle vous obtiendrez du mal dans opter pour l’un d’entre eux. Voici plusieurs conseils à votre attention aider:

Décidez des fonctionnalités qui sont nécessaires au travail productif de votre entreprise. Sur la d’autres mots, il est essentiel que vous en votre for intérieur compreniez ce dont un ordinateur a besoin dans une pièce de données virtuelle. Plus vous serez attentif par rapport aux particularités de votre travail, mieux vous sous bénéficierez.

Examinez les appréciation. En permettant de cette stade, vous matterez chaque fournisseur sous différents angles et montrerez de l’expérience des autres usagers, que ce soit un ensemble de expériences claire ou négatives.

Assurez-vous d’avoir un tentative gratuit. Avant d’acheter une , il est préférable de nous confronter à toutes les emplois utiles en premier pour vous garantir que ce fournisseur spécifique vous arrange. Vous pouvez obtenir l’offre d’un essai gratis de 32 jours grâce à la plupart des vendeurs de.

Il vaut mieux choisir un fournisseur laquelle peut vous aider 24/7. Sinon, l’horaire au niveau du groupe peut ne pas coïncider sur la raison un ensemble de différents fusées horaires.

Soyez vigilant à la salle de données impliquée dans les transactions financières plutôt complexes, qui incluent la majorité des introductions en bourse.

N’oubliez pas l’hébergement et la rente internes que certains vendeurs de transfèrent à des tiers. Ces informations confidentielles peuvent être compromises.

1, 2, 3 a Campochiesa …. inizia la stagione!

Debutto vincente, Alberto Riva firma il primo successo del team in una Top Class regionale. Grande prestazione di tutta la squadra, che torna dalla trasferta ligure con due secondi posti e un terzo.

Debutto vincente all’11° XCO di Campochiesa-Coppa Città di Albenga, prima Top Class regionale, per Pavan Free Bike che dopo l’anteprima di Calusco d’Adda dell’Epifania, ha iniziato la stagione delle corse extra regione con una vittoria.

La vittoria porta la firma di Alberto Riva, subito vittorioso al debutto con la maglia di Pavan Free Bike, affrontato con un approccio e una determinazione emerse sin dalle prime battute.  Dopo il primo giro, concluso al comando in compagnia di due avversari, il Campione del Mondo Master 2 ha trovato l’azione giusta per avvantaggiarsi su tutti e proseguire col proprio ritmo, imponendosi nella batteria degli amatori con un vantaggio di 16 secondi sull’Elite Sport comasco Daniele Rainoldi.  La vittoria del bikers di Arquata Scrivia ha portato per la prima volta sul gradino più alto del podio la Superior XF 29 Issue R con cui Riva sta trovando il miglior affiatamento, supportato al meglio dalla squadra.

“Sono molto contento del feeling con il mezzo che migliora ad ogni uscita e del rapporto di amicizia che si sta creando con il team.  Sono felice per la vittoria e di dare questa gioia alla squadra, il passo oggi non era male, soprattutto se confrontato con quello degli Open, ma non è stata una passeggiata, ho visto molto bene alcuni avversari e quindi bisogna continuare a fare progressi”, ha commentato Riva.

Terza piazza per Giorgio Redaelli, subito sul podio alla prima di stagione.  Partito con i primi, il Master 2 brianzolo una volta trovato il giusto ritmo, ha consolidato la posizione nel secondo giro, mettendo al sicuro un risultato finale sicuramente positivo.   Grande prova anche per Giovanni Bartesaghi, secondo tra i Master 6 e per la varesina Karin Tosato, seconda alle spalle della Campionessa Italiana Master Woman 1, Valentina Garattini, già proiettati con i primi podi verso il focus di questa nuova stagione.

Buono l’esordio anche dei ragazzi di Pavan Free Bike nelle prove giovanili della gara che apriva ufficialmente la stagione nazionale del cross country, con concorrenti arrivati da tutta Italia.  Una prima esperienza stagionale abbastanza soft che ha visto negli Juniores Simone Minotti e Vittorio Giancarlo Bandini concludere rispettivamente al 21esimo e 24esimo posto e negli Allievi 2 Alessandro Bassi e Raffaele Uderzo ottenere piazzamenti di metà classifica.

Pavan Free Bike taglia il nastro alla 30ª stagione

Dopo i successi ottenuti nella passata stagione, Pavan Free Bike è pronto ad iniziare una nuova avventura che per la trentesima stagione si presenta ricca di novità e ambizioni.

Tradizionale ed immancabile appuntamento di inizio anno per Pavan Free Bike che ha presentato al pubblico, alla stampa e agli appassionati i programmi per la stagione 2020.
Lo storico team brianzolo, giunto al suo 30° anno di attività da sempre è motivo di orgoglio per la città di Monza, dove iniziò l’attività nel 1991 e, in tempi più recenti per quella di Sovico, dove ha spostato la sua sede da alcuni anni.

La presentazione della squadra che si è tenuta nel pomeriggio presso il cinema teatro Santa Maria di Biassono racconta di una squadra ampliata con diversi nuovi arrivi, coesa, grintosa, pronta a correre e vincere. Una squadra che vuole diventare la prima tra le squadre italiane non professionistiche della mountain bike nazionale e preannuncia tante novità con numerose partecipazioni in vista dei diversi appuntamenti del calendario nazionale del cross country.

Fatta di tante e diverse individualità, con atleti di quattro differenti regioni italiane, Pavan Free Bike diventa un grande gruppo, teso a raggiungere una sempre maggior competitività. Archiviata una stagione che ha fruttato 42 vittorie, 52 secondi posti, 39 terzi posti, corredata dalle medaglie d’oro ai Campionati Italiani Team Relay e da quella individuale di Renato Cortiana, l’oro europeo di Karin Tosato e la medaglia d’argento ai Campionati Europei in Repubblica Ceca di Paola Bonacina, e quelle di Karin Tosato e Ivan Zulian ai Campionati Mondiali in Canada, l’imperativo di quest’anno è quello di continuare a vincere per ritagliarsi ulteriore spazio nel panorama amatoriale.

A far gli onori di casa, in apertura, il sindaco di Sovico, Barbara Magni, orgogliosa dell’attività della “sua” società: “E’ un onore per me essere presente alla presentazione di questa squadra blasonata, motivo di orgoglio sul nostro territorio, una realtà che saprà sicuramente proseguire e incrementare la storia ciclistica importante della nostra città”

A conferma della positiva stagione 2019, il conduttore della presentazione, Fabio Balbi ha lasciato il microfono a Fabrizio Ghisotti vicepresidente del Comitato di Monza Brianza della Federazione Ciclistica italiana che ha consegnato i riconoscimenti alla squadra per i titoli italiani conquistati a Chies d’Alpago e ha augurato il meglio per la nuova stagione agonistica dopo un fantastico 2019.

Le novità del 2020
Salutati Michele Bonacina e Ivan Zulian, è stato confermato interamente l’organico della passata stagione. La squadra brianzola è cresciuta in numeri e qualità con le novità del Campione del Mondo Masters 2019 Alberto Riva, del Campione Italiano Master 6, Giovanni Bartesaghi e di altri cinque amatori di alto livello.

Ai due atleti titolati si aggiungono infatti il bergamasco Stefano Bonadei, che avrà un ruolo importante nella categoria Master 3 a cui si aggiunge dalla provincia di Lecco il Master 1 Giuseppe Mascheri, che ha già vinto la prima gara con i nuovi colori a Calusco d’Adda il giorno dell’Epifania.
Gli altri due sono della provincia di Monza e Brianza, Silvio Olovrap (Master 5) in attività da 15 anni, con qualcosa come 90 vittorie nel palmares e Giorgio Redaelli (Master 2), vincitore nel 2019 dei circuiti Gran Prix Valli Varesine e Orobie Cup Challenge.
Completa la rosa il genovese Carlo Bruzzone, uno dei capisaldi del movimento ligure della mountain bike che gareggerà come anche Riva nella categoria Master 2.

Pavan Free Bike 2020 – La formazione
25 sono gli atleti, di tutte le categorie Master, pronti a far parte di Pavan Free Bike 2020. Altri tre sono appartenenti alla categoria Junior e due sono Allievi al secondo anno.
Nel dettaglio:

Allievi 2 – Alessandro Bassi e Raffaele Uderzo
Junior – Vittorio Bandini, Federico De Luigi, Simone Minotti
Elite Sport – Cristian Boffelli, Stefano Moretti, Cristian Vaira
Master 1 – Riccardo Capiaghi, Renato Cortiana, Mirko Gritti, Giuseppe
Mascheri, Andrea Paleari
Master 2 – Carlo Bruzzone, Giuseppe Conca, Giorgio Redaelli, Alberto Riva
Master 3 – Stefano Bonadei, Roberto Vergani
Master 4 – Andrea Artusi
Master 5 – Maurizio Brambilla, Silvio Olovrap
Master 6 – Giovanni Bartesaghi, Giuseppe Magni
Woman 1 – Monica Maltese
Woman 2 – Karin Tosato
Woman 3 – Paola Bonacina

La Bici Ufficiale – Superior XF 29 Issue R
Da tre anni il legame tra le biciclette Superior e Pavan Free Bike è un binomio vincente che proseguirà anche nel 2020, stagione in cui il team di Sovico sara equipaggiato con la XF 29 Issue R fornite tramite Bicimania e Sport Specialist.
Un mezzo tecnico all’avanguardia, costruito su un telaio in carbonio CRB Pro High-Modulus e integrato con il gruppo XTR 1×12 di Shimano e ruote DRC XXL Carbon 29, altamente performanti su ogni tipo di percorso, pronto ad affrontare tutti i tracciati stagionali.

Gli sponsor
Doveroso anche il ringraziamento agli sponsor che permettono alla squadra di affrontare la nuova stagione ai massimi livelli: Sport Specialist, Bicimania, Blufrida, DRC, Erel, E.MI.SD., N.I.R.A, Tornaghi Impianti di Aspirazione, Bueno Instant Drink, Bike Ribbon, Cossa Design, Latteria di Branzi e i nuovi entrati Esperia Distribuzione, Soul Ciccla, Ristorante Venus di Macherio.
I corridori del team brianzolo indosseranno in corsa l’abbigliamento tecnico Velo Plus e i caschi Suomy TMLS-ALL IN.

Il calendario
Il programma della prima parte della stagione prevede una sequenza di gare nazionali che si concluderà all’inizio di aprile a Nalles, competizioni che saranno da subito impegni di alto livello a cui, seguirà la partecipazione alle gare del circuito Santa Cruz Series in cui Cristian Vaira e Paola Banacina sono chiamati a difendere il titolo. Veneto Cup, Franciacorta Cup e le gare regionali del Master Cicli Pozzi si alterneranno con gli impegni nazionali di Verona, Stevenà di Caneva, Courmayeur, La Thuile, prima di arrivare al Campionato Italiano Cross Country, l’impegno clou della stagione di Pavan Free Bike insieme al Campionato Europeo di Graz e al Mondiale di Pra Loup, in Francia. La Marathon Bike della Brianza sarà l’unica gara su lunga distanza a cui prenderà parte la formazione brianzola che come d’abitudine concluerà la stagione in Francia, alla Roc d’Azur.

Gli obiettivi
Tanti volti nuovi, tante aspettative e l’attenzione si sposta ora verso le prime competizioni di questa intensa stagione ciclistica che scatterà il 23 febbraio con la partecipazione alla gara nazionale di Campochiesa d’Albenga. L’imperativo di quest’anno è quello di vincere tante gare in Italia e ripetersi ai Austria e Francia, ai Campionati Europei e Mondiali.

Buone attese anche per la formazione giovanile, sulla quale il focus è proiettato su risultati particolarmente soddisfacenti e sul completo recupero di Simone Minotti, lo scorso anno fermato da problemi di salute.

”Con una rosa di atleti come questa, non possiamo che essere ambiziosi, molte sono le aspettative che siamo certi i ragazzi non deluderanno” – chiosa il manager Claudio Cossa – “Quest’anno puntiamo a 5 maglie tricolori, ma tra gli obiettivi stagionali ci sono sicuramente anche i Campionati Mondiali e Europei. Auguro agli atleti della squadra di poter lottare per raggiungere a loro volta risultati di altissimo livello. Non sarà una passeggiata, la squadra è cresciuta in qualità e nei numeri, per questo abbiamo ristrutturato anche lo staff, con l’innesto di Ambrogio Galliani a supporto della squadra sui campi di gara, per farci trovare pronti per superare questa nuova sfida”

Pavan Free Bike e Superior: continua il binomio vincente

Da tre anni il legame tra le biciclette Superior e Pavan Free Bike è un binomio vincente che proseguirà anche nel 2020, stagione in cui il team di Sovico sara equipaggiato con la XF 29 Issue R.

Tra le gradite conferme del 2020 di Pavan Free Bike c’è anche la partnership tecnica tra Superior, tramite Bicimania e Sport Specialist, e la formazione di Sovico. Dopo lo straordinario 2019, sinonimo di grandi successi, che ha proiettato il team anche a livello internazionale con la conquista del titolo europeo con Karin Tosato e le due medaglie d’argento ai Mondiali Masters in Canada, il brand della Repubblica Ceca ha confermato la propria presenza al fianco del sodalizio brianzolo per inseguire nuovi successi anche nella stagione 2020.

Quando anni fa Superior ha mostrato per la prima volta il suo progetto di full suspension in carbonio, suscitando grande scalpore. Quando in seguito ha sviluppato il suo telaio, ha iniziato a competere con la concorrenza di fama mondiale. L’ XF 29 Issue R scrive la storia di questo modello per il quarto anno, un vero top di gamma con miglioramenti significativi a cui il brand ceco ha aggiunto la lettera “R” che conosciamo essere il modello Racing, il top per definizione.

Renato Cortiana con la nuova Superior XF 29 Issue R

Un mezzo tecnico all’avanguardia, costruito su un telaio collaudato con il perno principale situato sopra l’asse dei pedali, la molla della struttura posteriore è quindi senza perno e lavora in combinazione con la flessione del carbonio. Il montante superiore viene collegato tramite una piccola forcella sia al bilanciere in carbonio che all’ammortizzatore inclinato per massimizzare l’efficienza della pedalata e la trasmissione di potenza. I cavi e i tubi flessibili corrono all’interno del telaio, dando alla ruota un’impressione pulita. Grazie al carbonio CRB Pro High-Modulus, con cui è costruito il telaio, è stata ottenuta una super rigidità insieme ad un peso ridotto, sotto i 10 Kg.

Anche sui componenti e le ruote non è stato risparmiato nulla, il gruppo trasmissione è l’XTR di Shimano M9100 1×12 con guarnitura Race Face da 34 denti in combinazione con una cassetta 10-51T. Per i freni la scelta è caduta sui collaudati freni XTR di Shimano con dischi da 160 mm, mentre per le ruote, equipaggiate con pneumatici Schwalbe, sono state selezionate le italianissime DRC XXL Carbon 29, costruite a Lentate sul Seveso dall’azienda che è sponsor tecnico di Pavan Free Bike sin dal 2016.

A protezione del cerchio, nei copertoni viene montato l’inserto in polietilene espando SoulCiccia by Harry Bangs, un prodotto italiano molto efficace, che da un paio d’anni sta riscuotendo molto interesse anche in campo agonistico.
Le sospensioni sono di DT Swiss, in particolare troviamo la forcella dotata del comando OPM O.D.L. che controlla anche l’unità posteriore, R 535 One. In entrambi i casi, le sospensioni hanno una corsa di 100 mm.

Anche altri componenti si basano sulle buone proprietà del carbonio: reggisella, manubrio e attacco manubrio portano il marchio One1 Race, la sella invece è la Fi’zi:k Antares R5 con binari in magnesio.

“Siamo felici di continuare la nostra collaborazione con Superior” – ha commentato il manager della formazione brianzola, Claudio Cossa “Sia Renato Cortiana che Alberto Riva, a cui abbiamo passato due XF Issue R sono entusiasti della nuova bicicletta, entrambi hanno trovato subito un buon feeling, in particolare hanno manifestato piacevoli sensazioni per l’ottimo bilanciamento del mezzo, dell’equilibrio tra rigidità e risposta delle sospensioni durante la salita dinamica e, non ultimo la sicurezza che il mezzo sa offrire sui percorsi più accidentati. Tutto sommato questa è una macchina da corsa pura, senza compromessi, che crediamo aiuterà i nostri corridori a dominare i campi di gara”

Sette nuovi atleti per un’altra grande evoluzione di Pavan Free Bike

La squadra di Sovico apre il suo terzo decennio con una grande evoluzione nell’organico con sette nuovi atleti nel suo staff. Confermati tutti gli elementi del 2019, tranne Michele Bonacina e Ivan Zulian.

Pavan Free Bike inizia la sua trentesima stagione con lo stesso entusiasmo del primo anno, con un gruppo di atleti che si allarga in quantità e qualità per valorizzare ancora di più le caratteristiche di una formazione che nel 2020 non si accontenterà più di essere tra le migliori squadre amatoriali d’Italia, ma vuole diventare la prima tra le squadre italiane non professionistiche della mountain bike nazionale.
Confermato quasi interamente l’organico della passata stagione con l’eccezione di Michele Bonacina e Ivan Zulian, passati ad altre società, sette nuovi atleti, tutti di primo piano, inizieranno il 2020 con i colori di Pavan Free Bike.

Nonostante il fatto che gli elementi lombardi rimangano una grande maggioranza nel gruppo guidato da Claudio Cossa, tra i nuovi spicca il nome di un piemontese, Alberto Riva, che nel 2019 ha coronato la sua carriera agonistica con la medaglia d’oro ai Campionati Mondiali Masters in Canada. Un atleta di calibro mondiale che ha vinto negli ultimi due anni due titoli tricolori consecutivi nel cross country e uno nel ciclocross nel 2015. Il biker alessandrino di Arquata Scrivia, ha anche in bacheca la medaglia d’argento conquistata ai Campionati Mondiali Masters 2018, le quattro ai Campionati Italiani Cross Country 2013, 2015, 2016, 2017, la medaglia di bronzo del Mondiale Masters disputato in Italia, a Vermiglio, nel 2016 e i due bronzi tricolori vinti nel 2007 nel cross country e nel 2013 al Campionato Italiano Marathon in Sicilia.

Alberto Riva, con la nuova maglia di Pavan Free Bike e la sua nuova Superior XF 29

”Ho parlato per la prima volta con la squadra subito dopo la gara del mondiale in Canada. Anche se non sono uno che cambia casacca facilmente ho deciso di passare con Pavan Free Bike, motivato anche dal fatto di trovare in squadra tanti altri ragazzi master più giovani, con i quali confrontarmi e fare gruppo. Non stavo cercando necessariamente una nuova squadra, ma mi si è presentata questa ottima opportunità che sarà di sicuro uno stimolo a migliorarmi ancora. Penso che saremo un bel gruppo!”

Con Alberto Riva arriva anche l’amico Carlo Bruzzone, suo compagno di squadra dal 2009. Genovese di Masone, Bruzzone dal 2000 è uno dei capisaldi del movimento ligure della mountain bike, atleta instancabile nei mesi invernali si dedica al ciclocross, gareggerà come anche Riva nella categoria Master 2.

Ad occupare la casella lasciata libera da Michele Bonacina, sarà Stefano Bonadei. Il biker di Rovetta, vincitore nel 2019 per la quarta volta del circuito Orobie Cup e di qualcosa come 75 gare in carriera, oltre a mantenere in squadra il primato numerico degli atleti bergamaschi, avrà lungo tutta la stagione un ruolo importante nella categoria Master 3, grazie alla sua grande continuità.

Nella categoria Master 6, Pavan Free Bike sarà rappresentata dal Campione Italiano in carica, Giovanni Bartesaghi, atleta di riferimento della mountain bike lecchese, in attività dal 1993. L’esperto biker di Brivio, vincitore del circuito Santa Cruz Series nel 2019, che ha già esordito con un secondo posto la settimana scorsa a Calusco d’Adda, ha tutta l’intenzione di proseguire sul trend dell’ultima stagione in cui è salito in 12 occasioni sul gradino più alto del podio.
Sempre dalla provincia di Lecco, da Introbio, proviene invece il Master 1 Giuseppe Mascheri, che ha vinto subito con indosso i nuovi colori a Calusco d’Adda, una bella sorpresa che ha dimostrato quanto potrà dare a questo team.

Il Campione Italiano Master 6, Giovanni Bartesaghi, in gara a Calusco d’Adda

Gli altri due sono della provincia di Monza e Brianza, Silvio Olovrap (Master 5), Campione Italiano Cross Country ACSI nel 2016 e Point to Point nel 2017. In attività da 15 anni, con qualcosa come 90 vittorie alle spalle, il 50enne di Correzzana, nell’ultima stagione ha gareggiato prevalentemente nelle gare su lunga distanza, cogliendo gli obiettivi delle vittorie finali nella Coppa Lombardia MTB e nel Trek Zerowind Offroad Cup. Chiude la rosa delle new entry, il Master 2 di Usmate Velate, Giorgio Redaelli vincitore dei circuiti Gran Prix Valli Varesine e Orobie Cup Challenge 2019, autore di quattro vittorie nella passata stagione.

Un gruppo maturo e ricco di talento quello che è apparso molto motivato e coeso, come confermano le parole del manager, Claudio Cossa: “Quest’anno avremo una rosa composta da tanti atleti nuovi e ci aspettiamo un crescendo di risultati. Sono tutti ragazzi esperti e di sostanza, da loro ci aspettiamo capacità di collaborare e spirito di squadra, ognuno a modo suo deve dimostrare quanto può dare a questo team. Negli ultimi anni credo che il team abbia dimostrato di poter essere una realtà per il settore amatoriale del mountain bike italiano, quest’anno abbiamo costruito una team veramente importante e competitiva con cui abbiamo l’ambizione di diventare la miglior squadra non professionistica a livello nazionale”

Due vittorie e due secondi posti alla prima del 2020

Nella prima gara dell’anno a salire sul podio dei vincitori Stefano Moretti e il new comer Giuseppe Mascheri.  A Calusco d’Adda Pavan Free Bike gioisce anche per le piazze d’onore di Cristian Boffelli e di un’altra new entry, Giovanni Bartesaghi.

Gran inizio di stagione per Pavan Free Bike, che riprende da dove aveva finito, subito pronto ad incassare due vittorie di categoria e due secondi posti nel Trofeo Autoghinzani, la classica gara di Calusco d’Adda che ha aperto il calendario della mountain bike.


Prima vittoria per Stefano Moretti nel Trofeo Autoghinzani

Se il buongiorno si vede dal mattino, la squadra di Sovico si appresta a vivere un’altra stagione nella quale è destinata ad essere protagonista, forse come non mai.   Gli atleti già in squadra nel 2019 hanno legittimato le loro qualità, due dei nuovi arrivati, hanno già ricevuto gli applausi del loro presidente, Antonio Pavan.

Stefano Moretti e Cristian Boffelli, affezionati partecipanti alla prima dell’Epifania, hanno concluso l’edizione numero 32 della prova bergamasca ai primi due posti di categoria.   Nel gruppo dei primi fino all’attacco della salita dei Verghi, le loro gare hanno poi avuto sviluppi differenti: Moretti con il passare dei chilometri ha trovato un buon ritmo, concludendo in 11ª posizione assoluta con la quale ha raggiunto, dopo sei podi consecutivi nelle ultime edizioni, la prima vittoria sul tracciato di Calusco d’Adda, Boffelli è rimasto sulla ruota del compagno di squadra per più di metà gara, per poi chiudere due posizioni più indietro, secondo tra gli Elite Sport.

Sfortuna invece per Mirko Gritti, vincitore nel 2017 nella classica della Befana, protagonista delle fasi iniziali della gara, il 29enne di Brembate Sopra è incappato in una foratura quando occupava la settima posizione assoluta, concludendo attardato.  Sesto posto di categoria per Maurizio Brambilla, per il quarto anno consecutivo tra i primi dieci di classe.
Sul percorso di 26 Km che si sviluppava nella prima parte sulle rive del fiume Adda, si sono messi in evidenza anche due dei nuovi arrivati, Giuseppe Mascheri e Giovanni Bartesaghi, capaci entrambi di concludere la loro prima gara con i nuovi colori con risultati pesanti.  Mascheri, 12° assoluto, è stato il vincitore della categoria Master 1, l’esperto biker di Brivio, per il terzo anno consecutivo, ha iniziato l’anno sul secondo gradino del podio del trofeo Autoghinzani.

Gran finale di stagione alla Roc d’Azur

Due gare del grande festival della Costa Azzurra hanno chiuso definitivamente la stagione 2019 di Pavan Free Bike. Un’annata chiusa in bellezza su un grande palcoscenico internazionale.

Ultime due gare dell’anno per Pavan Free Bike che ha chiuso la lunga stagione agonistica 2019 in Francia, con il week end della Roc d’Azur, il maggior evento di mountain bike nel mondo con 20.000 ciclisti professionisti, amatori, principianti, adulti, bambini, enduristi di qualsiasi età e livello, provenienti dai quattro angoli della Francia e da 50 paesi diversi.

Un finale che non poteva essere certo in sordina, e così è stato. C’era attesa, di fronte alla concorrenza internazionale per il terzetto della squadra brianzola che ha concluso la stagione 2019 con il sorriso. La gara del venerdì, la Mid Roc con oltre 800 partenti su un percorso di 33 Km è stato l’evento ideale per preparare la gara regina della domenica. Numerosi all’inizio, la battaglia per la vittoria si è ristretta ad una decina di corridori, con l’ex Elite tedesco Renè Hordemann che ha impresso un ritmo indiavolato sin dalle prime salite, incoronato vincitore davanti all’olandese Nils Van Tilt e al primo dei francesi, Maxime Agniel, ancora terzo come nel 2018. Ottima la prestazione di Renato Cortiana, quinto, alle spalle del francese Clement Trunet.

Renato Cortiana alla Roc d’Azur all’inizio della salita de l’Origan

Presenti nel gruppo di testa, gli uomini rosso-bianco hanno tenuto alta la competizione e dimostrato il loro valore atletico in una gara che il terreno secco e polveroso ha reso molto veloce. Notevole anche la prestazione di Cristian Vaira che ha chiuso con un ottimo nono posto, mentre Ivan Zulian, 11° è rimasto ai margini della top ten.

Per chiudere il tradizionale fine settimana del più grande evento della mountain bike nel mondo, la Roc d’Azur, 53 chilometri con 1.100 metri di dislivello su un percorso in gran parte cambiato rispetto allo scorso anno. Il duo composto da Renato Cortiana e Cristian Vaira ha firmato una vera impresa, i due portacolori di Pavan Free Bike hanno condotto in coppia l’intera corsa controllando al meglio ogni momento in gara e hanno concluso in 59ª e 60ª posizione assoluta, con più di 3.500 partecipanti! Ottima anche la gara di Ivan Zulian che ha occupato l’86° posto nella classifica generale fatta da tanti nomi illustri della mountain bike mondiale.

Cristian Vaira al termine dela salita del Col de Bougnon durante la Roc d’Azur

Il presidente Antonio Pavan traccia un primo bilancio: ”Con la Roc d’Azur possiamo tirare le somme su questa stagione che reputiamo estremamente positiva. Sapevano di essere competitivi, ma non certo ci aspettavamo tutti i successi di quest’anno. I nostri ragazzi hanno fatto grandi numeri e chiudiamo davvero bene la stagione anche in una grande manifestazione come la Roc d’Azur che per noi è diventata la festa di fine anno. Siamo veramente felici e speriamo che sia di buono auspicio per la prossima”

Gare ormai agli sgoccioli, per Pavan Free Bike è tempo di premiazioni

Rimane solo la Roc d’Azur nel calendario di Pavan Free Bike. E’ tempo di bilanci e premiazioni per una stagione eccezionale in termini di risultati agonistici.

A margine di una stagione straordinaria, comincia la serie di premiazioni a cui gli atleti di Pavan Free Bike sono invitati per ricevere riconoscimenti. Non si è ancora spento l’eco dello splendido evento che ha concluso le Santa Cruz Series con la festa finale in cui Cristian Vaira (Elite Sport 2) e Paola Bonacina (Master Woman 2), sono stati tra i 23 vincitori finali, che lo sguardo di Pavan Free Bike è già rivolto ai prossimi appuntamenti che vedranno sfilare i giovani biker della squadra di Sovico.

Venerdì 18 ottobre all’Auditorium di Nembro (BG), grande conclusione della stagione del fuoristrada bergamasco con le premiazioni dei tre circuiti orobici, BG Cup Lombardia, Orobie Cup Junior e Orobie Bike Challenge.
Nel circuito BG Cup Lombardia, patrocinato dalla Regione Lombardia, che è stato con le sue nove gare in tre province un efficace veicolo per la promozione della mountain bike sul territorio, i padroni di casa hanno recitato il ruolo di protagonista in tutte le categorie, ma nella fascia degli Allievi 1 anno, hanno saputo mettersi in mostra anche i ragazzi di Pavan Free Bike. Sarà Raffaele Uderzo a ricevere il riconoscimento per il secondo classificato, supportato dai compagni di squadra, Alessandro Bassi e Gabriele Romanò, sesto e settimo in classifica finale. Con loro ci sarà anche Giacomo Fossati che ha concluso al settimo posto tra gli Allievi 2.

Raffaele Uderzo, argento nel circuito BG Cup Lombardia

Nello stesso contesto verranno premiati anche le eccellenze del circuito Orobie Bike Challenge, circuito di quattro gare, rivolto in modo particolare alle categorie amatoriali con l’intenzione promuovere l’attività regionale fuoristrada. Tre medaglie d’oro per gli atleti di Pavan Free Bike, vincitori delle categorie Elite Sport 2 e delle due categorie Master Women 2, rispettivamente con Cristian Boffelli, Monica Maltese e Paola Bonacina. Trionfo della squadra brianzola, vincitrice anche della classifica per società e della medaglia d’argento tra gli Elite Sport 2 con Stefano Moretti.

Serata di riconoscimenti anche per il Gran Prix Valli Varesine venerdì 22 novembre presso il teatro “SOMS” di Cocquio (VA), circuito in cui Pavan Free Bike ha messo due titoli nel carniere con Stefano Bianchi (Juniores) e Gabriele Romanò (Allievi). Due vittorie finali e gli ottimi piazzamenti di Raffaele Uderzo, Alessandro Bassi e Giacomo Fossati (5, 6 e 7 tra gli Allievi) sono il bilancio conclusivo davvero lusinghiero nel challenge varesino. Il successo di questo team testimonia la bontà delle scelte eseguite due anni fa quando Pavan Free Bike decise di rivolgere la propria attenzione al settore giovanile. I ragazzi rosso-bianco sono stati bravi a dimostrare tutta la loro competitività e la voglia di fare risultato, in attesa di programmare la nuova stagione.

Fotografia © Photo Zoom

Due ori per Pavan Free Bike nelle Santa Cruz Series, premiato anche come miglior team

Dopo le tre vittorie nel circuito Orobie Cup Challenge, ne arrivano altre due nel challenge cross country che ha aperto la stagione 2019, coronato per Pavan Free Bike anche dal premio come Best Team.

In una domenica senza vittorie, arrivano altre due successi per Pavan Free Bike. A metterli a segno, il giovane atleta bresciano Cristian Vaira e la veterana Paola Bonacina che dopo essersi assicurata la vittoria finale nel circuito provinciale Orobie Cup Challenge, ha portato a termine da leader anche le Santa Cruz Series. Pavan Free Bike è stato premiati anche come “Best Team” in virtù della classifica finale.

Due vittorie della classifica generale, vittoria come miglior team, un terzo posto con Monica Maltese nella categoria Master Woman 1, un secondo con Karin Tosato nella Master Woman 2, Top 5 con Cristian Boffelli nella Elite Sport 2, questo il bottino conclusivo del team nel circuito nazionale che spaziando attraverso quattro regioni e ben cinque province, ha coronato una stagione importante per la squadra di Sovico.

A tracciare un primo bilancio del 2019 è il presidente Antonio Pavan: “Siamo al termine di un altra lunga ed intensa stagione nella quale siamo riusciti a confermarci ai vertici della mountain bike nazionale e non solo, se penso al titolo europeo conquistato da Karin Tosato e le medaglie d’argento ai mondiali in Canada. I risultati sono l’indice che testimonia il grande valore della rosa che abbiamo costruito nei mesi invernali, ci rimangono ancora da affrontare le ultime gare nelle quali correremo per divertirci, ma sono sicuro che, nonostante si tratti degli ultimissimi appuntamenti del 2019, i nostri ragazzi li onoreranno come hanno sempre fatto in questa grande annata”

Cristian Vaira, vincitore delle Santa Cruz Series, categoria Elite Sport 2

Prima che il sipario cali definitivamente sulla stagione 2019 di Pavan Free Bike, infatti rimane ancora da affrontare l’ultimo impegno ufficale, la Roc d’Azur, un appuntamento tutto da vivere che farà da epilogo ad un’altra stagione di straordinari risultati che ha visto i ragazzi diretti da Claudio Cossa e Guido Colombo conquistare sin qui ben 47 successi, 50 medaglie d’argento e 37 medaglie di bronzo, per un totale di 134 podi in appena 47 giornate di gara. Numeri di assoluto valore che comprendono i titoli di Campionessa Europea Cross Country di Karin Tosato, quello tricolore individuale di Renato Cortiana e quello a squadre Team Relay, senza dimenticare le medaglie d’argento di Paola Bonacina agli europei in Repubblica Ceca e quelle di Karin Tosato e Ivan Zulian ai mondiali Master in Canada.

Risultati che testimoniano la grinta e la determinazione di tutto il gruppo, protagonista anche nell’ultima gara delle Santa Cruz Series, in cui Karin Tosato, seconda tra le donne amatori e Renato Cortiana, settimo assoluto nella gara Open, hanno onorato le loro maglie. Paola Bonacina e Cristian Vaira, secondi nelle rispettiva categorie hanno messo in cassaforte il successo finale nel circuito, già sicuro per la biker bergamasca, ancora in discussione per il bresciano che con un secondo posto ha risolto a suo favore la classifica finale Elite Sport 2, incerta fino all’ultima gara di Santa Lucia ai Monti.

”Sono arrivato a questa gara motivato al massimo a fare bene, sapendo che mi sarei giocato la vittoria finale del challenge” – commenta il 25enne della Val Camonica – “Ero anche consapevole che dopo la lunga stagione di gare, le energie nel serbatoio si sono ridotte, però con tanta determinazione ho cercato di condurre la miglior gara possibile, strappando un ottimo secondo posto di categoria, sufficiente ed aggiudicandomi la vittoria finale!
Sono felicissimo a dir poco, pensando a quanto ho battagliato nelle dieci gare per arrivare a questa vittoria, per me è davvero un gran risultato ed una grandissima soddisfazione aver raccolto i frutti di tanto lavoro, pensando a quanto impegno, allenamento, sacrificio e determinazione ci ho messo. Ora un pò di meritato relax e divertimento in sella alla mia Superior Team 29 Elite sui sentieri di casa, in attesa della trasferta ad ottobre in Francia per la Roc D’Azur”