Archivia Settembre 2019

Due ori per Pavan Free Bike nelle Santa Cruz Series, premiato anche come miglior team

Dopo le tre vittorie nel circuito Orobie Cup Challenge, ne arrivano altre due nel challenge cross country che ha aperto la stagione 2019, coronato per Pavan Free Bike anche dal premio come Best Team.

In una domenica senza vittorie, arrivano altre due successi per Pavan Free Bike. A metterli a segno, il giovane atleta bresciano Cristian Vaira e la veterana Paola Bonacina che dopo essersi assicurata la vittoria finale nel circuito provinciale Orobie Cup Challenge, ha portato a termine da leader anche le Santa Cruz Series. Pavan Free Bike è stato premiati anche come “Best Team” in virtù della classifica finale.

Due vittorie della classifica generale, vittoria come miglior team, un terzo posto con Monica Maltese nella categoria Master Woman 1, un secondo con Karin Tosato nella Master Woman 2, Top 5 con Cristian Boffelli nella Elite Sport 2, questo il bottino conclusivo del team nel circuito nazionale che spaziando attraverso quattro regioni e ben cinque province, ha coronato una stagione importante per la squadra di Sovico.

A tracciare un primo bilancio del 2019 è il presidente Antonio Pavan: “Siamo al termine di un altra lunga ed intensa stagione nella quale siamo riusciti a confermarci ai vertici della mountain bike nazionale e non solo, se penso al titolo europeo conquistato da Karin Tosato e le medaglie d’argento ai mondiali in Canada. I risultati sono l’indice che testimonia il grande valore della rosa che abbiamo costruito nei mesi invernali, ci rimangono ancora da affrontare le ultime gare nelle quali correremo per divertirci, ma sono sicuro che, nonostante si tratti degli ultimissimi appuntamenti del 2019, i nostri ragazzi li onoreranno come hanno sempre fatto in questa grande annata”

Cristian Vaira, vincitore delle Santa Cruz Series, categoria Elite Sport 2

Prima che il sipario cali definitivamente sulla stagione 2019 di Pavan Free Bike, infatti rimane ancora da affrontare l’ultimo impegno ufficale, la Roc d’Azur, un appuntamento tutto da vivere che farà da epilogo ad un’altra stagione di straordinari risultati che ha visto i ragazzi diretti da Claudio Cossa e Guido Colombo conquistare sin qui ben 47 successi, 50 medaglie d’argento e 37 medaglie di bronzo, per un totale di 134 podi in appena 47 giornate di gara. Numeri di assoluto valore che comprendono i titoli di Campionessa Europea Cross Country di Karin Tosato, quello tricolore individuale di Renato Cortiana e quello a squadre Team Relay, senza dimenticare le medaglie d’argento di Paola Bonacina agli europei in Repubblica Ceca e quelle di Karin Tosato e Ivan Zulian ai mondiali Master in Canada.

Risultati che testimoniano la grinta e la determinazione di tutto il gruppo, protagonista anche nell’ultima gara delle Santa Cruz Series, in cui Karin Tosato, seconda tra le donne amatori e Renato Cortiana, settimo assoluto nella gara Open, hanno onorato le loro maglie. Paola Bonacina e Cristian Vaira, secondi nelle rispettiva categorie hanno messo in cassaforte il successo finale nel circuito, già sicuro per la biker bergamasca, ancora in discussione per il bresciano che con un secondo posto ha risolto a suo favore la classifica finale Elite Sport 2, incerta fino all’ultima gara di Santa Lucia ai Monti.

”Sono arrivato a questa gara motivato al massimo a fare bene, sapendo che mi sarei giocato la vittoria finale del challenge” – commenta il 25enne della Val Camonica – “Ero anche consapevole che dopo la lunga stagione di gare, le energie nel serbatoio si sono ridotte, però con tanta determinazione ho cercato di condurre la miglior gara possibile, strappando un ottimo secondo posto di categoria, sufficiente ed aggiudicandomi la vittoria finale!
Sono felicissimo a dir poco, pensando a quanto ho battagliato nelle dieci gare per arrivare a questa vittoria, per me è davvero un gran risultato ed una grandissima soddisfazione aver raccolto i frutti di tanto lavoro, pensando a quanto impegno, allenamento, sacrificio e determinazione ci ho messo. Ora un pò di meritato relax e divertimento in sella alla mia Superior Team 29 Elite sui sentieri di casa, in attesa della trasferta ad ottobre in Francia per la Roc D’Azur”

MailOrder Wedding brides Through Parts of asia

Men and women search for an Hard anodized cookware bride, several find that Oriental girls will be difficult to get as -mail order birdes-to-be. Its accurate that your with regard to Asian women of all ages is without a doubt escalating, but the demand for Asian men is definitely improving as well.

The particular divorce price in Philippines is usually rising in addition to even more A language like german women that are looking to get committed look these up and find the The german language husband than adult males. The overall economy within Europe has made this even more complicated for anyone Eu adult men to find Asian birdes-to-be since Cookware women are even harder to uncover within The european union as compared to China based online stores plus The japanese.

As the Oriental are much less widespread in the us than they may be in the different Asian countries, they are not as effortless to find like a would really like. To get a good Oriental postal mail order star of the event supply by china manufacturer, you should check out China and tiawan alone. Which means planning to China and taiwan on its own or even sending someone there to satisfy the girls that are offered.

Almost all of the submit order wedding brides supply by china manufacturer come from the towns associated with Hangzhou plus Shanghai in china. Sometimes of those visit the Oriental places associated with Guangzhou in addition to Shenzhen.

Overseas ship order brides to be can also find Asians within the Korea or perhaps Southern region Korea. The Thailand is very loved by the particular American adult men who’ve been to be able to Korea and paid out now there. The two locations contain significant Korean communities, but for the reason that Koreans are certainly more elegant and are generally a reduced amount more likely to are now living in rural spots, they are simply much less well-liked by the ones trying to find a great Hard anodized cookware spouse.

In numerous within the places in Most of asia that are most popular together with Us adult males trying to find Asian women, your mailbox order birdes-to-be usually are from urban centers, definitely not the rural parts. For instance , it really is easier to locate Hard anodized cookware females right from Singapore, compared to it is to discover Oriental girls from regions of Burma. Certainly there are a lot regarding some other countries where with regard to postal mail order birdes-to-be out of Most of asia is certainly large, nevertheless you will find much less of which.

Another reason that will deliver order birdes-to-be out of Asia are much less frequent in the United States is that their age isn’t that prevalent. Most of the mailbox order brides to be by Asian countries are among 25 plus thirty-five. The Asian females in america usually do not tend to be while ancient.

Usually the females that your United States with American husbands to flee lower income, in order to join the particular army, are just 16 yrs . old, as well as for one of the most part Oriental females are typically a lot youthful. There are exceptions, nevertheless , in addition to a many really wealthy Asian females via Hk contain gotten to age 40, however is not a number of.

The particular Far east snail mail buy wedding brides usually are within their thirties plus forties, plus the guys which are basically purchasing these birdes-to-be have the choice regarding purchasing their own honeymoon vacation which is certainly not generally a problem. Whenever an individual chooses to buy typically the honeymoon, it typically depends upon what price of typically the honeymoon vacation, or maybe the quantity of a short time the particular one wishes typically the honeymoon vacation to be able to previous.

Many of the Hard anodized cookware mailbox purchase brides to be which have been ready to have sex having foreign guys, will certainly say to the Cookware males that they are by Hong Kong or perhaps Taiwan, but they are really from Vietnam or even Malaysia. Generally this is certainly exclusively for demonstrate, in case the guy takes the time to explore the gal ahead of he chooses if to marry your ex, he’ll gain knowledge of that she is not only amazing, although has got excellent ways.

It appears that your mailbox order brides out of Asia are much more challenging to uncover in america, compared to the all mail buy brides from all other Parts of asia. But it surely is quite possible to uncover numerous seriously stunning Cookware brides in Most of asia, and in addition they can be quite pleasant.

Show dei ragazzi di Pavan Free Bike a Laveno Mombello nel Gran Prix Valli Varesine

Eccezionale prova di squadra per i ragazzi di Pavan Free Bike nel Gran Prix Valli Varesine. Raffaele Uderzo vince la sua seconda gara del circuito, Gabriele Romanò difende la leadership della classifica Allievi, sul podio Junior anche Stefano Bianchi.

Una domenica di pausa per l’attività agonistica dei Master di Pavan Free Bike ed ecco Allievi e Junior alla ribalta nella penultima prova del Gran Prix Valli Varesine disputata sul percorso fangoso di Laveno Mombello che dopo il nubifragio notturno che ha ridotto salite e discese al limite della praticabilità.
Il terreno pesante e il conseguente allungamento dei tempi di percorrenza, hanno reso le gare dei giovanissimi veramente impegnative e messo a dura prova la resistenza dei ragazzi che hanno tagliato il traguardo molto provati.

Il podio Allievi dell’ XCO del Trentennale di Laveno Mombello con il vincitore Raffaele Uderzo e Alessandro Bassi, terzo

Nella prima gara del giorno, quella di Esordienti e Allievi, vittoria di Raffaele Uderzo che non poteva scegliere un modo più spettacolare per aggiudicarsi il suo secondo successo stagionale. Il 14enne di Monza si è messo subito nelle prime posizioni, passando al comando nel secondo giro, concluso con un terzetto tutto Pavan Free Bike nelle prime posizioni. Un’incertezza sul percorso insidioso ha cambiato le carte in tavola e favorito Alessandro Bassi che ha chiuso in testa la terza tornata, decisivo l’ultimo dei quattro giri in cui Uderzo ha superato di slancio il compagno di squadra che nel finale ha subito anche il ritorno di Valerio Martinoli, chiudendo in terza posizione.

Meritato quinto posto per Gabriele Romanò, anche lui uno dei protagonisti in positivo di questa corsa e decisamente efficace nella prima metà della gara che con il suo quinto posto rafforza la leadership nel challenge varesino a cui resta da disputare solo la prova di Borgo Ticino tra due domeniche.
Obiettivo traguardo raggiunto per Giacomo Fossati, che ha preso subito un buon ritmo, ma quando la gara ha avuto la selezione decisiva non si è fatto trovare pronto e ha concluso settimo.

Dopo la vittoria a Forcora, torna sul podio del Gran Prix Valli Varesine anche Stefano Bianchi che anche lo scorso week end è salito sul podio al secondo posto nel Campionato Regionale Enduro Cup disputato a Brescia sul Monte Maddalena.
Un terzo posto che vale una vittoria per il 17enne di Cogliate, preceduto dalla coppia del Racing Team Rive Rosse che non rappresenta una minaccia la sua leadership della categoria Junior. Con il suo secondo podio consecutivo nel circuito, Bianchi, si avvia verso la prova finale del Gran Prix Valli Varesine come il più serio candidato al successo finale.

La Marathon Bike della Brianza chiama, Pavan Free Bike risponde …

Il mese di settembre comincia con la gara di casa, la Marathon Bike della Brianza. Anche nella marathon nazionale di Casatenovo, corso sulla lunga distanza, Pavan Free Bike non manca il podio.

Se nella Valseriana Marathon, di fine agosto, conclusa da Cristian Vaira in 12ª posizione assoluta, Pavan Free Bike aveva fatto capire di poter essere protagonista anche sulle lunghe distanze, l’attesa Maratahon Bike della Brianza è stata un’altra perla nella stagione della squadra di Sovico ha sottolineato l’eccellente annata.

Festeggiate domenica scorsa le conquiste dei primati nel circuito Orobie Cup Challenge, dove Cristian Boffelli, Monica Maltese e Paola Bonacina hanno vinto i titoli individuali e Pavan Free Bike quello per società, anche nella Maratahon Bike della Brianza, la gara di casa della squadra, ma anche la più anomala per l’abituale attività del team, i risultati sono stati importanti.
Più di 70 Km, tante salite sulle colline della Brianza, la Maratahon Bike della Brianza per una squadra che svolge prevalentemente attività nel cross country è certamente difficile rispetto agli standard, quindi ottenere risultati importanti in quella che è la gara di casa è certamente una grossa soddisfazione.

Ivan Zulian all’inizio della salita verso Consonno, all’arrivo sul podio dei Master 1

Pavan Free Bike alla Maratahon Bike della Brianza pur partecipando senza velleità, non ha corso in difesa, ma ha graffiato, con Ivan Zulian e Stefano Moretti capaci di concludere con i migliori amatori specialisti delle lunghe distanze e Karin Tosato sul terzo gradino del podio della categoria femminile, distante una manciata di secondi dalla seconda posizione.

”Anche se abbiamo corso una marathon e non un cross country come nostra abitudine, era comunque la gara di casa e ci tenevo a fare il meglio possibile” – racconta Zulian – ”Ho tenuto nella prima ora e mezza un ritmo alto, ma sempre in controllo, poi a causa della mancanza di fondo e la poca abitudine alla distanza, ho dovuto andare del mio passo per non compromettere la gara. Siamo a fine stagione e le energie fisiche e mentali sono agli sgoccioli, ma nel complesso sono soddisfatto anche per aver regalato alla squadra un buon risultato in una gara a cui tiene molto. Devo ringraziare tutto il team per la super assistenza in corsa e per la festa del dopo gara con i riconoscimenti agli atleti per le medaglie conquistate in questa stagione”

Il 31enne di Crespano del Grappa ha concluso la gara di Casatenovo 35° assoluto, nono tra gli amatori e secondo tra i Master 1, alle spalle del Campione Italiano Marathon, Andrea Bravin, salendo così per il terzo anno consecutivo sul podio della gara brianzola.

38ª posizione assoluta e quinto posto Elite Sport per Stefano Moretti, a sua volta bravo a non commettere errori e, supportato da una buona condizione, a condurre una gara sempre con un ritmo costante. Partito bene, ha tenuto un buon ritmo anche Cristian Boffelli e, nonostante la consapevolezza di non avere fondo, il ragazzo di Paladina ha tenuto duro finché ha potuto e poi è arrivato al traguardo, rimanendo abbondantemente sotto le quattro ore.

Ha raccolto un buon risultato anche Paola Bonacina che ha affrontato come sua consuetudine il percorso corto di 49 Km, concludendo in 91ª posizione, quarta nella fascia femminile.