Maurizio Brambilla e Carlo Bruzzone … Che coincidenza il 1997 !

Maurizio Brambilla e Carlo Bruzzone … Che coincidenza il 1997 !

Il veterano di Pavan Free Bike e uno dei nuovi arrivati del 2020 si raccontano. Dopo 23 anni nelle corse, non sono stanchi, anzi continuano a divertirsi come quel giorno del 1997, quando misero per la prima volta il numero sulla bicicletta.

Maurizio Brambilla, lombardo, Carlo Bruzzone, ligure, Master 5 il primo, Master 2 l’altro, “Mao” da dieci anni in Pavan Free Bike, Carlo nuovo arrivo del 2020 … cosa hanno dunque in comune? Il 1997 … l’anno in cui entrambi hanno fatto la prima gara. Due personaggi diversi, due storie diverse, due esperienze diverse, in questa duplice intervista emergono le differenti opinioni di due ciclisti amatori di cui sarebbe impossibile immaginare la loro vita senza la mountain bike.
Non necessariamente per loro il risultato è l’obiettivo primario, lo sport rappresenta tempo libero, hobby e passione allo stesso tempo, inoltre, ci sono la famiglia, gli amici e il lavoro, in un’avventura lunga più di vent’anni, ognuno con le sue motivazioni insegue ancora dei traguardi soggettivi.


Maurizio Brambilla … Bio
Classe 1969, lecchese di Verderio Inferiore, Verdé de Sot in dialetto brianzolo, Maurizio Brambilla non ha un palmares sportivo ricchissimo, ma per lui il richiamo per la mountain bike è ancora forte. Superati i 50 anni, è uno dei veterani della mountain bike che ha avuto sin da bambino la passione per la bicicletta, ma fino ai 15 anni il suo interesse si è rivolto all’atletica leggera. Poi, complice un battibecco con il suo allenatore dell’epoca, ha appeso al chiodo le scarpette, fino alla scoperta della mountain bike ai primordi di questo sport, nel 1997.
Una scommessa fatta con un’amico, portare a termine i 54 Km della Marathon Bike della Brianza con soli 15 giorni di allenamento lo vede al via della classica brianzola, ma nulla lasciava prevedere che ciò potesse scrivere il suo futuro sportivo. Non solo Maurizio vinse la scommessa finendo la gara in 347ª posizione su 920 arrivati, l’esperienza fu subito entusiasmante e l’innamoramento con la mountain bike fu totale.

Da quel momento in poi non passò giorno che Brambilla non abbinasse lavoro a sport e tempo libero, iniziando a gareggiare e da allora, non si è più fermato. Ha corso i primi anni nel Team Biciaio per poi passare al Team Alba Orobia Bike e quindi dopo una breve parentesi con il Lissone MTB, finalmente, dal 2010 con la maglia Pavan Free Bike.

Maurizio, hai idea in quante gare hai gareggiato da quella scommessa alla Marathon Bike della Brianza?
“Ho iniziato con la mountain a 28 anni e ho scoperto la mountain bike ai primordi di questo sport, da allora penso di aver fatto almeno 400 gare, se ci ripenso mi sento datato, ma quando metto il casco e salgo sulla mia bici non ho più età. In tutti questi anni qualche bella soddisfazione me la sono levata, qualche campionato provinciale e qualche vittoria le ho portate a casa e, non è ancora finita”

Sei un veterano della mountain bike che interpreta con genuina passione la filosofia amatoriale, cosa significa questo sport per te?
“Beh, questo sport per me significa libertà, vedere il mondo scorrere a misura d’uomo, conoscere sempre nuove persone, la bici avvicina le persone e crea nuove amicizie. Ormai dopo tanti anni passati in sella non c’è gara in giro per il Nord Italia o uscita in solitaria, dove non incontro almeno una persona che conosco”

Sono dieci anni che sei con Pavan Free Bike, sei proprio affezionato a questo team?
“Ormai sono veramente tanti anni che faccio parte della squadra, mi sento a casa, questa per me è come una seconda famiglia. Nella squadra si respira un’atmosfera familiare cominciando dal nostro papà adottivo Antonio che posso solo ringraziare per tutto quello che fa per noi, per poi passare a Claudio, semplicemente spaziale, una vera macchina da guerra quando siamo sui campi gara e anche quando non corriamo, per finire con i compagni con i quali c’è un ottimo rapporto di amicizia, anche se vanno troppo forte e li invidio un pochino …”

Fotografia © Enrico Andrini

Qual è il tuo hobby preferito quando non pedali?
“Oltre alla bici mi piace molto la fotografia, quando riesco, tra i mille impegni, prendo la mia reflex e parto”

Quale sarà il tuo obiettivo al rientro nelle gare?
“Ovviamente arrivare più in alto possibile nelle classifiche per cercare di ripagare al meglio chi ci permette di gareggiare in totale tranquillità, ma anche per ripagare chi da ormai tantissimi anni mi supporta, e soprattutto sopporta, mia moglie e mia figlia. Comunque vada il motto è sempre quello “never give up” … e prima o poi i sogni vedrete che si avvereranno”

Carlo Bruzzone … Bio
Anche per Carlo Bruzzone, 38enne genovese di Masone, la storia ciclistica inizia nell’estate 1997, appena finito il campionato di calcio disputato da Carlo nelle giovanili del GC Masone. Incuriosito da una gara di mountain bike organizzata nel suo paese, Carlo non è rimasto a lungo un semplice spettatore e compiuti i 16 anni, si è gettato nella mischia e da li in avanti gare su gare, soprattutto nel basso Piemonte e in Liguria, affrontate con molto spirito d’avventura.
Con il tempo prende il sopravvento lo spirito competitivo e nel 2008 arrivano le prime vittorie, così l’anno dopo passa nella categoria Elite, senza cogliere però molte soddisfazioni. La parentesi è breve, nel 2010 si sposa, ci riprova nel 2012 ma con scarsi risultati.
Bruzzone l’anno dopo torna a correre tra gli amatori, disputando prima le gare in circuito e alcune granfondo, ma il suo obiettivo si rivolge al 2016, disputa a Courmayeur un buon Campionato Italiano, chiuso in 12ª posizione, e si proietta al vero target della stagione, il Campionato Mondiale Masters in Val di Sole che però non riuscirà a disputare, la sua stagione termina in una gara della Coppa Piemonte, dove si frattura il femore destro.

Risale in bici, pronto a ricominciare e finalmente riesce a correre il Mondiale 2017 disputato in una giornata di pioggia a Vallnord, nel Principato di Andorra.
Nel 2018 gli obiettivi sono Mondiale e Italiano, corre il primo con gli strascichi dell’influenza del giorno precedente e nel secondo chiudo ottavo, forse una delle migliori gare della sua vita. 2019 storia recente con fattori invertiti, non brilla nella prova tricolore di Chies d’Alpago, ma sorride in Canada, gestendo bene dall’inizio alla fine la prova mondiale, dove termina decimo.

Carlo, torniamo indietro di qualche anno e ripensa alla tua prima gara, cosa ti ricordi di quella giornata?
“A scatenare tutto è stata l’ammirazione che nutrivo per un mio vicino quando l’ho visto in azione nella gara del mio paese, dove corse da protagonista. Qualche giorno dopo mi sono presentato al suo garage dove faceva manutenzione della bici e gli ho chiesto di portarmi con lui alla gara successiva. In una domenica da lupi, ho debuttato alla gara/raduno del Passo del Faiallo, nebbia bassissima, vento a raffiche, freddo, pietre bagnate e percorso tecnico, una tragedia, sono caduto più volte, mi sono anche perso, ma sono arrivato al traguardo. Quel giorno è nato il mio sogno, eguagliare il mio mentore che aveva partecipato ad un Mondiale Master a Matabief e quindi, nella mia testa, passati i 30 anni, l’obiettivo era quello di andare al Mondiale”

Se non sbaglio la tua prima gara “seria” è stata la Rampilonga 1997, ci racconti gli aneddoti?
“Quell’anno si correva ancora il percorso vecchio che arrivava a Paneveggio, terminata la mitica salita del Lusia si scendeva nella valle dietro e a quel punto dovevi per forza pedalare fino al traguardo, non ci si poteva ritirare. Con tre mesi di allenamento nelle gambe e senza aver mai fatto 40 km in vita mia, sono partito nelle retrovie con il pettorale 2966. Fu una giornata interminabile, 4 ore e 30 in bici, arrivai distrutto, ma realizzato nello spirito”

In quante gare hai gareggiato finora?
“In realtà superato il centinaio ho smesso di contarle. Dal ‘98 i primi anni facevo una media di 30 gare l’anno, dal 2009 molte meno, fino al 2012 quando ho scoperto il ciclocross e in numero è di nuovo salito, comunque non più di 25 gare l’anno”

Nel 2012 hai avuto un incidente mentre gareggiavi in Piemonte. Le conseguenze sono state piuttosto serie, dopo la guarigione, quando ti sei rimesso il casco per la prima volta, cosa hai provato?
“Una sensazione molto particolare. Le conseguenze fisiche dopo la scivolata sono state davvero pesanti, frattura sottopertrocanterica del femore destro, la gamba è rimasta più corta dopo l’operazione e avevo tanti dubbi. Sono risalito in bici ancor prima di abbandonare le stampelle, perché in sella non avevo dolori e fastidi e mi sentivo davvero libero. Non potevo fermarmi senza almeno provare, ho ripreso a pedalare poi tutto ha preso la giusta piega”

Nel 2009 ti sei trovato in squadra con Alberto Riva e da li il vostro percorso sportivo è stato comune. E’ un binomio così consolidato il vostro?
“Con Alberto abbiamo iniziato a correre più o meno nello stesso periodo e nelle stesse gare, quindi ci si vedeva sui campi di gara, ma per me era un amico/rivale come altri. Nel 2009 mi hanno proposto di passare nel suo team come Elite e l’offerta era irripetibile, firmai al volo, da li in avanti trasferte assieme, qualche allenamento e soprattutto un’amicizia che si è stretta fino ad essere quasi come fratelli. Spesso sono io il suo traino per programmare trasferte importanti e lui mio consigliere sulle strategie di gara”

Nel 2020 avete deciso di passare in Pavan Free Bike, per quanto ti riguarda cosa ti aspetti da questo cambiamento?
“Nella trasferta canadese ci siamo trovati a chiedere aiuto agli italiani presenti per un problema di pass per i box e abbiamo conosciuto Claudio. E’ scattata una molla e l’idea di approdare in un team importante e blasonato come Pavan Free Bike mi ha entusiasmato da subito. Avere alle spalle persone serie che ti permettono di concentrarti solo sulla gara è importante e accresce la voglia di mettersi in gioco”

D’inverno, lasciata la mountain bike in garage, gareggi nel ciclocross, è proprio impossibile per te stare fermo?
“Si è impossibile devo trovare sempre qualcosa da fare, stare a casa non è contemplato per ora. Ho iniziato per scherzo con il cross per allenare il ritmo e la tecnica di guida, poi non ho più smesso. Principalmente mi concentro su dei circuiti nella mia zona con la partecipazione ai Campionati Italiani”

Siamo tornati ad allenarci in bicicletta, gli spostamenti tra le regioni si sono aperti, hai una sensazione di quando potrete tornare di nuovo a correre?
“Realisticamente la vedo un pò dura, perché credo che il protocollo per chi organizza le gare complicherà parecchio le cose, fino a quando non verranno chiarite le indicazioni necessarie. Nel mio piccolo, per diversi anni ho organizzato una gara XC nel mio paese e collaboro tuttora con il circuito regionale ligure con una gara di ciclocross, quindi sono a conoscenza delle problematiche per l’organizzazione di un evento, tra richieste e permessi vari uno perde la voglia. Comunque spero si possa riprendere presto a correre, perché gli obbiettivi sono fissati anche se senza data!”