Giovanni Bartesaghi … un tricolore che arriva da lontano

Giovanni Bartesaghi … un tricolore che arriva da lontano

Lecchese, classe ’64, vanta 31 anni di attività ciclistica, culminata nel 2019 con una grande stagione e la maglia di Campione Italiano Master 6. Superata la soglia dei 55 anni è ancora in grado di mettere alla frusta ragazzi ben più giovani e nemmeno con il titolo tricolore è arrivato alla fine della sua carriera, ora è un nuovo alfiere di Pavan Free Bike.

Giovanni Bartesaghi, il Campione Italiano XCO Master 6 nel 2019, è la seconda maglia tricolore di Pavan Free Bike, un titolo portato in dote con il trasferimento ad inizio stagione dal Vam Race di Moggio, alla squadra di Sovico. Originario di Beverate, una piccola frazione di Brivio, in cui abita da 56 anni, “Gio” ha passato gli ultimi 31 in sella, diventando uno degli amatori più rappresentativi del territorio lecchese, oggi ancora in splendida forma, a dar filo da torcere ad avversari più giovani.
Nella zona è considerato come un’icona della mountain bike, uno dei pochi biker ancora in attività del prospero movimento lecchese del ciclismo off road che ha avuto il suo periodo di piena esplosione fino alla fine della prima metà del primo decennio del 2000. Di quegli anni Giovanni è un testimone, fino al 2001 in regione e poi negli anni successivi su tutto il territorio nazionale, fino alla bella collezione del 2019, con 13 vittorie e la prestigiosa maglia tricolore vinta a Chies d’Alpago.

A dispetto di una carriera lunghissima, la storia sportiva di uno dei veterani della mountain bike, è piuttosto semplice: ha giocato a calcio per qualche anno a livello amatoriale, poi un pò di corsa in montagna e nel 1989, a 25 anni si è avvicinato alla mountain bike cominciando a pedalare per curiosità. Visto che anche con poco allenamento andava già benino in bici, l’anno dopo ha partecipato alla prima gara, la Speedylonga, con la maglia del Longoni Sport MTB.

Prima gara Speedylonga 1990, cosa ricordi del tuo debutto?
“Sono passati tanti anni … La Speedylonga era la manifestazione che ogni autunno chiudeva il calendario nazionale della disciplina. Fu quella la mia prima partecipazione ad una gara, sono partito senza sapere se e come l’avrei finita. Da allora è scattata la molla della passione e non mi sono più fermato!”

In tutti questi anni secondo te cosa è cambiato nell’ambiente delle gare amatoriali?
“Secondo me nei primi anni 90, gli anni pionieristici della mountain bike, era tutto molto più casareccio, l’ambiente era affascinate e il clima sembrava più quello di una grande festa paesana. Adesso è tutto più professionale, le mountain bike hanno visto notevoli sviluppi, prima erano meno sofisticate, sono cambiate la preparazione atletica e i percorsi di gare, insomma il nostro sport ha avuto una grossa evoluzione”

Per tanti anni hai inseguito il titolo tricolore che finalmente hai raggiunto lo scorso anno è stato il traguardo della tua lunga carriera?
“Diciamo che lo scorso anno è stato un anno buono con 13 vittorie, il circuito Santa Cruz, il Campionato Provinciale Marathon e poi il titolo italiano cross country. Il tricolore l’ho proprio cercato e preparato, è stata una gara difficile su un percorso molto impegnativo, siamo rimasti in cinque fino all’ultimo giro nella lotta del il podio, poi nel finale in due e nell’ultimo strappo ho forzato, portando a casa la maglia tricolore. Direi che era il traguardo che speravo di ottenere prima di smettere di fare agonismo, però se arrivasse ancora qualche altra bella soddisfazione prima di smettere, non la butto di certo via”

C’è una gara delle ultime che hai effettuato che invece ti ha deluso?
“Ma non saprei dire una gara, forse la Gimondi Bike dello scorso anno è quella che ricordo meglio visto che è una delle più recenti. Mi ha lasciato un pò l’amaro in bocca non tanto per il risultato sportivo, ma per la mancanza delle premiazioni per categoria, inesistenti per noi amatori“

Lo scorso anno hai fatto anche un paio di gare in linea, vincendo la categoria alla Marathon Bike della Brianza e sei salito sul podio alla Gimondi Bike, cosa si prova a 56 anni battere atleti che hanno la metà dei tuoi anni?
“Ogni anno mi piace fare qualche granfondo e poi la Marathon Bike si può dire che è la gara di casa, visto che si disputa sui sentieri che di solito percorro in allenamento. Sinceramente non ci ho mai pensato, ma comunque quando arrivi davanti a quelli più giovani, capisci che gli allenamenti fatti sono serviti e che con la determinazione si possono raggiungere ancora certi risultati”

Fotografia © MTB Channel

Come si tiene a questi livelli un amatore della tua età?
“Non vi sono segreti particolari se non dei semplici dettagli che si conoscono bene ma che spesso vengono sottovalutati. Non faccio niente di particolare, cerco solo di fare uno stile di vita sano e poi allenandomi quasi tutti i giorni riesco a mantenermi in forma”

Se dovresti incentivare un giovane nell’intraprendere questa attività, cosa gli diresti?
“Gli direi che la mountain bike e il ciclismo in generale, sono uno sport bellissimi anche perché ti fanno capire che nella vita se vuoi ottenere dei risultati ti devi impegnare. Di immergersi nella natura per provare ad apprezzare le magnifiche sensazioni che si pedala in montagna o nel verde più assoluto”

Quest’anno sei passato a Pavan Free Bike: pareri e impressioni
“Cosa dire, come società la conosco da sempre, anche se l’ho sempre vista da fuori. Ora che ne faccio parte, ho avuto la conferma che quello che intuivo vedendo la squadra alle gare è una realtà, questo è un team molto organizzato ed affiatato, anche se per me è ancora tutto da scoprire. Visto il periodo che stiamo vivendo, il poco tempo passato insieme conferma quanto immaginavo di trovare”