5+1 vittorie … E’ sempre più Pavan Free Bike show

Nuova dimostrazione di forza di Pavan Free Bike. Cinque vittorie alla ValSeriana Marathon e prima vittoria di Karin Tosato con la maglia tricolore al Gran Prix Valli Varesine.

Ormai non hanno più limiti le ambizioni di Pavan Free Bike, anche in una domenica libera nel calendario del team i corridori della squadra di Sovico hanno trovato il modo di mettersi il numero sul manubrio ed è stata un’altra giornata da incorniciare per le 5 + 1 vittorie messe a segno alla ValSeriana Martahon e nella terza prova del Gran Prix Valli Varesine.

La quarta edizione della ValSeriana Marathon è stata una sorta di gara sociale per i ragazzi di Pavan Free Bike. Nella point to point di Nembro si sono ritrovati tutti insieme in una partenza unica per affrontare un percorso di 36 Km rinnovato, che presentava quasi 1.700 metri di dislivello con la salita verso il Monte Poieto a quota 1.400 metri, GPM che é stato giudice impietoso per le prestazioni degli atleti.

L’alloro simbolico di miglior atleta di Pavan Free Bike è andato a Giorgio Redaelli, 17° assoluto e terzo classificato tra gli amatori. Il 39enne di Usmate Velate ha incrociato anche in questa occasione le ruote del suo avversario più forte in regione, Francesco Mensi, e ha concluso in seconda posizione tra i Master 2 alle spalle del biker bresciano.

20° e 21° al traguardo, Stefano Moretti e Cristian Boffelli hanno aperto la serie delle cinque vittorie targate Pavan Free Bike alla ValSeriana Marathon. I due ragazzi di Paladina, buoni conoscitori del percorso della Val Seriana, primi classificati delle categorie Master 1 e Elite Sport, sono saliti sul podio di una gara di mountain bike per la prima volta quest’anno. Le altre vittorie: nei Master 4 ad opera del varesino Alessandro Piermarteri, 31° assoluto, nei Master 5 con Silvio Olovrap che nel 2019 proprio a Nembro conquistò il titolo di campione regionale marathon e nei Master 7 con il solito Claudio Zanoletti, vincente anche alla sua prima partecipazione alla granfondo della Val Seriana.

Per Stefano Bonadei era andata meglio l’ultima edizione disputata nel 2019 sulla distanza marathon, quest’anno il biker di Rovetta ha concluso quinto tra i Master 3, così anche per Giovanni Bartesaghi che nel 2018 aveva vinto la categoria Master 5, ma comunque sul terzo gradino del podio dei Master 6 quest’anno. E’ rimasto stregato in questa occasione il podio per Mario Nava che per la terza volta ha visto dal quarto posto i migliori tre della categoria sul podio.

Pavan Free Bike protagonista anche nella Coppa Lombardia MTB, che dopo la disputa della terza prova a Nembro, ha visto indossare le maglie di leader di categoria Silvio Olovrap (Master 5) e Giovanni Bartesaghi (Master 6).

Con la terza vittoria consecutiva nel Gran Prix Valli Varesine, Karin Tosato ha invece consolidato la sua leadership nel circuito tra le Master Woman 2. Nella gara di Forcora, un cross country di 6,2 chilometri al giro, il più duro di tutto il circuito, la neo Campionessa Italiana ha concluso in seconda posizione assoluta la batteria dei due giri alle spalle del Master 7 Vincenzo Cuccurullo, vincendo con distacchi pesanti sulle avversarie.

Fotografia Giuseppe Redaelli © MTB Channel

A Bielmonte Pavan Free Bike sferra tre sciabolate tricolore

Pavan Free Bike fa la storia dei Campionati Italiani Cross Country 2021 per essere la squadra che ha vinto più medaglie. Tre titoli tricolori, due medaglie d’argento e tanti piazzamenti premiano il sodalizio brianzolo.

Capolavoro compiuto! Ora che Pavan Free Bike ha conquistato tre maglie tricolori nella prima delle due giornate tricolori di Bielmonte, sembra che sia stato tutto facile, eppure nessuno dei successi ottenuti dalla formidabile rosa rosso-bianco è stato scontato.
Giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, tutti gli atleti della squadra hanno programmato i propri impegni e hanno dato il massimo su ogni terreno, fino alla giornata memorabile di sabato quando Alberto Riva, Karin Tosato e Claudio Zanoletti hanno conquistato i loro successi nell’appuntamento tricolore che ha regalato al club di Sovico anche i due podi di Giorgio Redaelli e Paola Bonacina e diversi piazzamenti.

Il primo a far suonare l’inno italiano in casa Pavan Free Bike è stato Claudio Zanoletti, campione uscente della categoria Master 7. Il veterano bergamasco ha confermato la maglia vinta lo scorso anno a Barga attaccando sin dalla prima salita per condurre la gara dall’inizio alla fine e confermarsi il re della categoria Over. Impeccabile anche sul tracciato dell’Oasi Zegna, per Zanoletti, new entry in Pavan Free Bike nel 2021, quella di sabato è stata l’undicesima vittoria della stagione, la più importante dell’anno che gli ha dato il settimo titolo tricolore di una lunga carriera che lo vede calcare i campi di gara dal 1990.

Secondo brindisi all’arrivo della gare femminile per la vittoria nella categoria Master Woman 2 della Campionessa Europea Karin Tosato, che inseguiva il tricolore dal 2008, quando aveva vinto per la seconda volta il titolo a Grotte di Castro. La biker di Cuasso al Monte ha avuto sempre il controllo della propria categoria e ha corso per la vittoria assoluta della fascia Donne Amatori, preceduta all’arrivo solo dalla Master Woman 1 toscana Monica Petruccioli.

“Nell’ultimo mese ho lavorato duramente per perdere quei chili di troppo in vista del Campionato Italiano. Inseguivo da anni il “tricolore da mamma”, ogni volta ci arrivavo vicino ma non abbastanza, stavolta ce l’ho fatta. Sono felice di aver potuto regalare a mia figlia Isa questa emozione che non aveva mai vissuto, di riviverla con il mio compagno Nico dopo tanti anni e finalmente di portare questa maglia al team Pavan che come anche oggi è stato al top con un’eccellente assistenza in gara”

Tricolore numero tre, il primo con Pavan Free Bike, anche per Alberto Riva, campione della categoria Master 3. La gara annunciata come una sfida tra il biker di Arquata Scrivia e il toscano Mirco Balducci, campione italiano negli ultimi tre anni, si è infiammata già nel primo giro ed è andata a favore di Riva quando il suo avversario ha forato.

“Avrei mille cose da dire per descrivere tutto quello che sono stati quei 65 minuti di gara. Oggi a rendere la gara veramente dura è stata la testa, perché sapendo di avere un avversario come Balducci mi sono messo troppo pressione e questo mi ha fatto correre troppo teso. Alla fine del primo giro lui ha forato, questo mi ha avvantaggiato ma sapevo che non avrebbe perso molto, infatti ha recuperato una quarantina di secondi che però non sono stati sufficienti a riprendermi. Sono contento perché all’ultimo giro nonostante i crampi sono riuscito a dare veramente tutto e a mantenere la posizione, è stato bellissimo sentire il tifo dei miei compagni di squadra a bordo tracciato, senza di loro non so se ci sarei riuscito. È il primo titolo di peso che vinco in Pavan Free Bike e sono felice di poter regalare la maglia al team e al nostro mitico presidente”

Una giornata da medaglia anche per la campionessa uscente Paola Bonacina, seconda tra le Master Woman 3 e per Giorgio Redaelli, argento tra i Master 2 e autore di una gran gara. Partito in terza fila per un ritardo nello schieramento, giro dopo giro ha risalito la china riducendo il distacco dal battistrada, il campione uscente Michele Righetti, che al primo giro era di 47 secondi, scesi a 20 di gap al traguardo. Una grande soddisfazione per il 39enne di Usmate Velate che obiettivamente ha ammesso di correre per il terzo posto e invece ha concluso il suo quarto italiano da vice campione.

In bella evidenza nella rassegna di Bielmonte tinta di bianco, rosso e verde anche Alessandro Piermarteri e Andrea Artusi, quinto e sesto nei Master 4, Giovanni Bartesaghi (7° Master 6) e i bergamaschi Mirko Bertasa (M1) e Mario Nava (M6) che hanno completato la top ten delle rispettive categorie. Fuori dalla decima posizione Mirko Gritti e Andrea Paleari, 15° e 20° Master 1, 19° tra i Master 3 Carlo Bruzzone.

Positiva anche la prestazione di Carlo Penzo nell’affollata gara Juniores con 106 ragazzi al via, conclusa dal 17enne di Schio con una prestigiosa 20ª posizione.

Fotografia Claudio Zanoletti © Alessandro Billiani

Buoni piazzamenti in vista di una grande prova

E’ iniziato il conto alla rovescia per il Campionato Italiano XCO. Anche quest’anno una Pavan Free Bike combattiva e determinata andrà a caccia dei titoli tricolori in palio sul tracciato piemontese di Bielmonte.

Tra sabato e domenica 10-11 luglio, arriva uno degli appuntamenti clou della stagione per Pavan Free Bike, il Campionato Italiano XCO che si svolgerà in Piemonte sul tracciato di Bielmonte, in una vera e propria Oasi, quella di Zegna.
Con l’appuntamento tricolore ormai alle porte, per ogni atleta della squadra di Sovico è iniziato il conto alla rovescia e per alcuni l’ultimo test per le ambizioni per la gara che vale una stagione, è passato per la lunga distanza.

In una giornata dal tempo incerto, Alessandro Piermateri ha voluto fare sport ad alta quota, schierandosi nuovamente al via della Assietta Legend che nel 2019 aveva concluso in ottava posizione, affrontando però il percorso Classic. Dopo tanto tempo lontano dalle marathon, il 47enne di Cassano Magnago ha voluto mettersi alla prova nella lunga distanza e sugli 85 Km con 2.697 metri di dislivello della marathon del Sestriere ha concluso 48° assoluto, settimo di categoria.

“E stata una gara selettiva per il meteo avverso e perchè si corre tutta in alta quota, per questo bisogna gestirla bene. Volevo provare la mia condizione ed è venuta fuori un buona prestazione. Sto bene e all’italiano XC di sabato cercherò di dare tutto come sempre per fare meglio dei tre quarti posti che ho realizzato nelle tre edizioni disputate negli anni scorsi a Sarentino, Torre Canavese e nel 2019 a Barga”

Dopo il forzato stop del 2020 si è tornati a correre sui sentieri dell’Altopiano del Sole la Valle Camonica Bike Enjoy su un percorso di 43 Km decisamente rinnovato e spettacolare anche per Stefano Bonadei e Mario Nava che avevano già partecipato all’ultima edizione del 2019. I due Master di Pavan Free Bike hanno chiuso entrambi al settimo posto di categoria, tagliando il traguardo in tandem.

“Ero nei 30 assoluti e terzo della mia categoria, ma nella discesa più tecnica dell’intero percorso ho stallonato e la ruota sì è sgonfiata” – racconta Bonadei – “Mi sono fermato tre volte per gonfiarla ma non teneva la pressione, per fortuna avevo l’inserto di Soul Ciccia nella ruota e sono riuscito ad arrivare alla fine. Mi ha raggiunto Nava nell’ultimo chilometro e siamo arrivati al traguardo insieme”

Entusiasta del percorso e dei nuovi sentieri che portavano la gara al Lago di Lova, Mario Nava ha fatto una bella gara in cui ha migliorato il risultato generale del 2019.

“Penso di aver fatto una bella gara, anche se sinceramente contavo in un risultato migliore non tanto nell’assoluta ma di categoria. Il nuovo percorso si è dimostrato veramente spettacolare oltre che tecnico e tosto, ne troveremo uno altrettanto duro per l’italiano sabato prossimo, forse non mi si addice ma di sicuro cercherò in tutti i modi di ottenere il miglior risultato”

Seconda dopo la vincitrice assoluta, la più giovane Valentina Garattini, Karin Tosato è salita per la seconda volta in questa stagione sul gradino più alto del podio delle Master Woman 2.

“Ho trovato un’ottima giornata, stavo bene e spero di stare così anche per il Campionato Italiano sabato. Sicuramente sarà una gara tutta da combattere perché troverò avversarie molto forti, cercherò di dare il 100% per arrivare al traguardo soddisfatta e di confermarmi sul podio come nelle ultime tre edizioni”

Fotografia © MTB Channel

Prove di Campionato Italiano al … Campionato Nazionale ACSI

Assaggio tricolore per alcuni atleti di Pavan Free Bike al Campionato Nazionale ACSI, combattivi e determinati per andare a caccia dei titoli tricolori in palio sul tracciato piemontese di Bielmonte.

E’ già tempo di appuntamento tricolore per Pavan Free Bike. Il Campionato Italiano XCO è sempre un appuntamento di primo livello e, dopo una prima parte di stagione fantastica, con un mix di vittorie e risultati importanti, per i biker rosso-bianco l’intenzione è quella di continuare a fare buone prestazioni e andare a caccia di più di una maglia tricolore.

Il percorso di avvicinamento al Campionato Italiano XCO che quest’anno si svolgerà in Piemonte all’Oasi Zegna, ha avuto inizio domenica con la prova del tracciato per alcuni atleti, altri hanno preferito testare la gamba nella prova unica del Campionato Nazionale MTB ACSI a Montano Lucino (CO) che si è chiusa con due ben auguranti vittorie e due secondi posti.

Risultati in linea con le attese del team che confermano una volta di più che Pavan Free Bike potrà contare per l’appuntamento tricolore su una formazione competitiva ed in ottimo stato di forma. Andrea Artusi e Silvio Olovrap hanno vinto le rispettive categorie, ma hanno ceduto di diritto le maglie tricolori dei Veterani 2 e dei Gentleman 1 ai tesserati ACSI a cui erano riservate.

Se per Olovrap è stata la terza vittoria consecutiva, Andrea Artusi a due anni dal serio infortunio del giugno 2018 è tornato nuovamente sul primo gradino del podio. A festeggiare con lui il fratello Roberto, che alla seconda gara in mountain bike è già dimostrato in grado di battersi per la vittoria.
Con ancora nelle gambe le salite della Hero Südtirol Dolomites, Giuseppe Mascheri si è dovuto accontentare della seconda piazza alle spalle dell’ex professionista Fausto Fognini. Tra i Gentleman 2, dopo un acceso testa a testa, durato per tutti i quattro giri, ha chiuso in seconda posizione anche Giovanni Bartesaghi.

Tra gli altri risultati del fine settimana ancora un secondo posto per Stefano Moretti in una gara su strada del Trofeo dello Scalatore Orobico, la cronoscalata Pontegiurino – Colle, conclusa in decima posizione assoluta dall’ingegnere di Paladina. Quarto assoluto, Cristian Boffelli ha scalato i 5,9 Km della salita che da Pontegiurino porta a Colle di Berbenno, concludendo a soli 6 secondi dal vincitore.

La fantastica domenica delle dieci vittorie

Una domenica bestiale quella in casa Pavan Free Bike con dieci vittorie tutte insieme.  Vincono i Master, vincono le donne, gli Junior, gli Under 23, Stefano Moretti vince su strada e si avvicina l’incredibile numero di 50 vittorie.

Dieci vittorie in cinque gare diverse, tre in Lombardia, cinque in Piemonte, una in Veneto e una in Emilia Romagna, era da tanto che non si vedeva nulla del genere! Vincono i Master, vincono le donne, gli Junior, gli Under 23, Pavan Free Bike è in gran spolvero e si avvicina, quando mancano tre settimane al Campionato Italiano l’incredibile numero di 50 vittorie.

Ancora una trasferta in Piemonte, al Bike Park Rive Rosse di Masserano (BI), e ancora Pavan Free Bike cinque volte sul gradino più alto del podio, con le vittorie di Giorgio Redaelli (Master 2), Alberto Riva (Master 3), Silvio Olovrap (Master 5), il solito Claudio Zanoletti (Master 7) e il primo squillo tra i Master 1 di Mirko Bertasa.
In evidenza in questa bella giornata iniziata con il meteo un pò incerto, su uno dei percorsi più difficili nel panorama cross country piemontese, anche Giovanni Bartesaghi, secondo tra i Master 6 e Carlo Bruzzone che come la scorsa settimana a Lugagnano Val d’Arda ha mancato di poco il podio dei Master 3, classificandosi al quarto posto.

Tre le vittorie in provincia di Bergamo, due alla Piazzatorre Bike Tour 2021, una delle poche gare di mountain bike rimaste nel calendario del fuoristrada orobico e la terza su strada in una prova del Trofeo dello Sclatore Orobico.
Nella gara dell’Alta Val Brembana che apriva il programma della giornata, Andrea Artusi ha completato la sua ascesa verso il primato, iniziata in maggio con il terzo posto a Niardo e proseguita più di recente con il secondo posto di Lugagnano Val d’Arda. Unica Master Woman al via, Paola Bonacina è riuscita a inserirsi tra le ragazze Junior, terminando la gara dietro a Jessica Nava.

Nella gara in linea su strada di 16 Km Almè – Berbenno, prova del Trofeo dello Scalatore Orobico, è tornato a farsi vedere Stefano Moretti, nono assoluto, è risultato il vincitore della sua categoria, mentre per Cristian Boffelli il cronometro si è fermato al settimo posto di categoria. Completa la rassegna dei biker bergamaschi il polivalente Mario Nava, che alterna gare su lunga distanza a cross country. Per il 57enne di Villa di Serio la costante nelle ultime quattro gare è il terzo posto, ripetuto anche a Lavarone nella versione Classic della 100 Km dei Forti, conclusa in 67ª posizione assoluta, terzo tra i Master 6.

Impegno su due fronti per Under 23 e Junior. A Tabiano Bagni Gianluca Cerri dopo aver rotto il ghiaccio a Lugagnano Val d’Arda ha presto arrotondato il numero delle sue vittorie, tagliando nuovamente in prima posizione il traguardo della gara Open, la più ambita del week end. Bene si è comportato anche Vittorio Bandini 13° tra gli Junior in costante crescita nelle ultime gare.

Nella prova di Campionato Regionale Veneto a Conegliano (TV), secondo sigillo stagionale anche per Carlo Penzo che 20 giorni dopo la prima vittoria di Panchià ha ritrovato la via del successo mettendo in fila tutti gli Junior veneti, ora avrà qualche settimana per riordinare le idee e prepararsi per gli appuntamenti importanti.

Che regali a Lugagnano per il compleanno del presidente !!

Bottino pieno per Pavan Free Bike alla Valdarda Bike. Sette vittorie e cinque podi in una sola giornata, la squadra rosso-bianco ha letteralmente dominato la Top Class di Lugagnano, un gran bel regalo per il suo presidente.

E’ stato un giorno speciale quello del compleanno del presidente, un’ennesima grande prova offerta dal gruppo che con una serie di acuti prestigiosi ha festeggiato i 76 anni, portati splendidamente, di Antonio Pavan, da 31 anni ininterrotti guida di Pavan Free Bike. Presidente con la P maiuscola: presente e attivo, elegante e appassionato ha rappresentato al meglio, in tutta Lombardia e, anche in tanti altri luoghi d’Italia, la città di Monza dapprima e poi quella di Sovico, con la sua grande passione per lo sport della mountain bike.

Sette vittorie e cinque podi in una sola giornata hanno il volto felice di tutti gli atleti che hanno fatto un gran regalo al loro presidente, un impresa emozionante e spettacolare che nemmeno il più romantico degli appassionati di ciclismo avrebbe potuto immaginare per una giornata così particolare.

Nella Top Class di Lugagnano Valdarda Gianluca Cerri è andato a prendersi il primo successo di giornata al termine di una sfida molto combattuta nella gara Open. Il 20enne di Giussano ha preso il comando nel quinto giro ed è stato perfetto nel finale, ingranando la marcia giusta per la prima vittoria stagionale arrivata dopo le ottime prestazioni delle ultime due settimane.
Alberto Riva, Alessandro Piermarteri, Silvio Olovrap, Giovanni Bartesaghi e Claudio Zanoletti sono gli autori del clamoroso full nelle categorie Master.

Con il terzo successo personale nella Valdarda Bike Alberto Riva ha dimostrato di avere un feeling particolare con l’evento emiliano che lo ha visto assoluto protagonista nella categoria Master 3. Tra i Master 4 la splendida doppietta di Alessandro Piermarteri e Andrea Artusi, ha fatto scattare l’esultanza di tutto l’entourage rosso-bianco, un risultato che premia il vincitore che è stato anche rallentato da una foratura nel secondo giro e la tanta voglia di riscatto di Artusi dopo la lunga assenza dalle gare seguita all’infortunio del 2019.

Dopo la parentesi della Pedalanghe Silvio Olovrap e Giovanni Bartesaghi sono tornati nuovamente ad alzare le braccia al cielo con due vittorie nette nelle rispettiva categorie, involandosi tutti soli sin dalle prime battute. Non è invece mancata la suspense per Claudio Zanoletti, a metà dell’ultimo giro ha tagliato il copertone e solo l’ampio margine sul secondo gli ha permesso di infilare un altra vittoria dopo aver cambiato la ruota all’area tecnica.

Le maglie Pavan Free Bike sono state protagoniste in ogni categoria dando fondo a tutte le energie, i più attivi sono stati: Carlo Penzo, argento tra gli Junior staccato di soli 2 secondi dal vincitore e Giorgio Redaelli che anche in questa occasione ha dovuto inchinarsi al solito Francesco Mensi, mattatore di stagione della Master 2. Podi anche per Mario Nava (Master 6) e Karin Tosato (Master Woman), bronzo nelle rispettive categorie.

Con sette vittorie, tre secondi posti, due terzi posti ai ragazzi di Pavan Free Bike è riuscita l’impresa di arricchire la bacheca di casa, ma pur senza salire dal podio Carlo Bruzzone (4° Master 3), Paola Bonacina (4ª Master Woman), Mirko Bertasa (6° Master 1) e Maurizio Brambilla (6° Master 5), a cui si sono aggiunti i bei piazzamenti degli Junior Alessandro Bassi, Simone Cerri e Vittorio Bandini, hanno regalato il loro risultato al proprio presidente in un giorno particolare che si è completata con un’altra prestigiosa vittoria, quella di Giuseppe Mascheri alla Hero Südtirol Dolomites.

Purtroppo in mezzo a tanta gioia Giulio Penzo ha subito un infortunio piuttosto importante incappando in una caduta nel tratto della sassaia durante il corso della gara Open, quando era in ottima posizione. Una brutta tegola per il 19enne di Schio che dovrà sottoporsi ad un’intervento chirurgico.

“Lugagnano una gara come molte altre?” – si domanda il presidente Antonio Pavan“No, perchè oltre al mio compleanno abbiamo festeggiato un numero di vittorie e di podi mai visti, oltre a questi la splendida vittoria di Giuseppe Mascheri alla Hero, la marathon di mountain bike più dura al mondo. La mancanza di un pranzo sociale a causa della pandemia e la data del mio compleanno mi hanno dato l’occasione di programmare la cena in un ristorante tipico piacentino a cui purtroppo non ha potuto esserci il nostro Giulio a cui noi tutti facciamo i più grandi auguri perchè torni presto tra noi. Il cenare con i miei ragazzi mi ha emozionato e ripagato di tutto l’impegno che si mette nel seguirli, abbiamo allestito una squadra completa con delle grandi qualità che ogni domenica conferma la storia vincente di questa formazione di cui sono estremamente orgoglioso”

Festa Pavan Free Bike in Piemonte alla XC Camino

27ª vittoria di stagione per Pavan Free Bike che torna a far festa in Monferrato grazie ai due centri di Riva e Zanoletti. Primi acuti stagionali per i varesini Alessandro Piermarteri e Karin Tosato.

Un’altra giornata trionfale per Pavan Free Bike nella quarta prova del circuito XC Piemonte Cup 2021 con Alberto Riva e Claudio Zanoletti che hanno allungato la loro striscia vincente anche nei boschi di Camino nel Basso Monferrato. Se per i due pluri vincitori di Pavan Free Bike in questa prima parte della stagione alzare le braccia al cielo è ormai un abitudine, altri due atleti del team di Sovico si sono sbloccati: Alessandro Piermarteri vincendo a Cavaria il 2 giugno la sua prima gara del 2021 e Karin Tosato prima a Mesenzana nella gara up hill del Gran Prix Valli Varesine.

Domenica a Camino (AL), nell’appuntamento agonistico che assegnava le maglie di campione regionale per le categorie Open, anche nelle categorie Master non sono mancate gare combattute. Nella prima di giornata, che si è disputata su quattro giri di un circuito di 4,9 Km molto tecnico e veloce, caratterizzato da diversi single track e suggestivi passaggi boschivi, Alberto Riva ha fatto girare alto il motore sin dall’inizio prendendo subito vantaggio che ha via via incrementato fino all’arrivo.

“Il mio obiettivo in questo momento è sfruttare bene questo filotto di gare consecutive da qui al 20 giugno, è un buon momento in generale per me e anche oggi ho vinto la categoria. Oggi le partenze erano scaglionate per fasce separate di 30” e noi Master 3 eravamo il quarto blocco. Ho fatto terzo assoluto dietro al primo Elite Master e al primo Master 2 che erano partiti nei blocchi precedenti, posso ritenermi soddisfatto e devo mantenere sempre questo standard perchè di obiettivi da raggiungere ne ho ancora parecchi di qui ad ottobre”

Grande interprete della seconda partenza Claudio Zanoletti, quinto assoluto sui tre giri della gara Master 5-6-7 e vincitore con ampio margine sul secondo della categoria Master 7. Per il Campione Italiano questa primo anno in Pavan Free Bike prosegue nel segno di una imbattibilità che dura ormai da otto gare, dal primo successo di stagione nel Gran Prix d’Inverno ottenuto a fine febbraio in Liguria.

Si parte sempre per vincere, ma il podio posto resta comunque un piazzamento prezioso ai fini del bilancio di una gara. Giorgio Redaelli (Master 2) e Alessandro Piermarteri (Master 4) hanno chiuso al secondo posto delle rispettive categorie senza potersi giocare la vittoria contro avversari che hanno fatto corsa a parte. Partito terzo, dopo la prima discesa Redaelli si è portato in seconda posizione e c’è rimasto indisturbato fino alla fine, Piermarteri ha invece seguito il suo diretto avversario che ha tenuto per metà corsa, dopodiché ha amministrato la sua seconda piazza.

Piazzamenti per Gianluca Cerri, sesto nella gara Open, terzo Under 23, quarto posto per Paola Bonacina tra le Master Women e ottavo Carlo Bruzzone nella categoria Master 3.

Carlo Penzo firma la prima dello Junior Team di Pavan Free Bike

Successo di Carlo Penzo che rompe il ghiaccio e conquista il primo successo con la maglia di Pavan Free Bike nella Top Class di Panchià. Anche nelle granfondo in Franciacorta e nelle Langhe, vittorie e podi.

Piemonte, Lombardia, Trentino, anche nell’ultimo week end Pavan Free Bike si è fatto in tre, confermandosi tra i protagonisti con due vittorie, tre terzi posti e buoni piazzamenti dei suoi atleti che continuano a confermare la loro competitività su tutti i terreni.

Sinora è stato il gruppo degli amatori la vera forza di Pavan Free Bike, ma con primo successo della stagione, Carlo Penzo ha dimostrato che anche i giovani del club brianzolo sono pronti a sfruttare le proprie qualità personali per cogliere l’occasione propizia. Sono bastate otto gare al 17enne di Schio per ritrovare lo spunto vincente nella XCO Top Class Panchià, prova della MTB Raiffeisen Südtirol Cup, molto combattuta già dai primi giri che Carlo ha vinto facendo la differenza nell’ultimo giro. Nella gara Open della Top Class di Panchià, vinta da Martino Fruet, Gianluca Cerri ha concluso decimo, quarto Under 23.

“Il primo giro ho faticato a trovare il ritmo poi è andata sempre meglio, fino al quarto e ultimo giro, quando ho recuperato il leader della gara alla fine della salita più lunga del percorso, da lì in poi sono riuscito a prendere un pò di margine che mi ha permesso di conquistare la prima vittoria con i colori di Pavan Free Bike. Sono molto contento di come è andata, anche perché era da un pò di tempo che non provavo l’emozione di vincere una gara”, ha spiegato Carlo Penzo.

E’ stata una marcia trionfale quella che ha accompagnato Claudio Zanoletti fino all’ultimo appuntamento del mese di maggio: dopo le due vittorie nelle cross country di Cuasso al Monte e Niardo, il veterano bergamasco nonostante non si trovasse in una delle sue giornate migliori, non è sceso dal gradino più alto del podio nemmeno nella sua prima point to point a cui ha partecipato in questa stagione, la Granfondo Le Terre di Franciacorta.

Dalla granfondo di Adro, che si è corsa sulla distanza di 53 Km, bottino lusinghiero anche per Paola Bonacina che ha chiuso al decimo posto la gara Open femminile, terza della categoria Master Woman 3 e di Mario Nava, 60° assoluto al traguardo e terzo di categoria è riuscito a salire sul podio per la prima volta in cinque partecipazione alla granfondo bresciana. Ottimo risultato anche per Stefano Bonadei, che ha concluso la seconda gara del 2021 in 35ª posizione e sesto di categoria, un buon inizio che spiana la strada al 43enne di Rovetta per una stagione che è partita in ritardo, ma già con il piede giusto.

Il successo numero 23 di questa stagione è firmato da Alberto Riva, corridore di razza che alla fine di maggio ha già brindato sei volte per la vittoria, l’ultima domenica nella Granfondo Pedalanghe conclusa dal biker di Arquata Scrivia in 11ª posizione assoluta, primo dei Master 3. Nella competizione che ha visto quasi 450 partecipanti gareggiare su un circuito di 45 Km con oltre 1.900 metri di dislivello nella splendida cornice delle Langhe Piemontesi, Giorgio Redaelli ha concluso in 31ª posizione, terzo Master 2, Silvio Olovrap 51° nella generale e quarto tra i Master 5 a soli 27 secondi dal podio, 55° Andrea Artusi, sesto Master 4.

Anche le granfondo ribadiscono il grande mese di Pavan Free Bike

Si è conclusa un’altra settimana di gare per Pavan Free Bike in cui la squadra ha brillato anche sul fronte delle granfondo, sempre alla ricerca della vittoria e di buone prestazioni complessive.

Dopo le numerose vittorie nelle gare cross country, le maglie di Pavan Free Bike si sono fatte vedere anche nelle granfondo e il bilancio di queste ultime due domeniche è positivo, soprattutto per le prestazioni e per l’ottimo livello che l’intera squadra ha espresso in ogni occasione.

Già nel primo due impegni di domenica 16 maggio si era messo in luce Giulio Penzo che ha approfittato della vicinanza a casa della Granfondo Recoaro Full Time Sport per vivere una corsa diversa e di confrontarsi sulla distanza. Il 19enne di Schio ha tagliato il traguardo in settima posizione assoluta, primo di categoria, emergendo dal gruppo di cento partecipanti che ha affrontato i 35 Km del percorso della Conca di Smeraldo, nelle Piccole Dolomiti.

Nella seconda gara, la D’Annunzio Bike con i due secondi posti di categoria di Silvio Olovrap e Giovanni Bartesaghi e l’undicesimo di Mario Nava i bikers di Pavan Free Bike hanno iniziato la Coppa Lombardia MTB con grande slancio, ma hanno fatto ancora meglio sette giorni dopo nella seconda tappa del challenge regionale, la Southgardabike che ha aperto anche il circuito nazionale Trek-Zerowind.
Nella marathon mantovana di 60 Km Silvio Olovrap è stato come nel 2019 il vincitore della categoria Master 5 mentre per i Master 6 Giovanni Bartesaghi e Mario Nava l’esordio in questa gara ha portato bene, tanto che entrambi hanno concluso sul podio: Bartesaghi da vincitore, Nava terzo, con un distacco esiguo dalla seconda posizione.

Altre quattro gare per chiudere in bellezza la domenica. Nella cross country nazionale Juniores di Courmayeur bel numero di Carlo Penzo, ottavo al termine di una gara combattuta, conclusa anche da Vittorio Bandini in 27ª posizione a pieni giri. Secondo posto in Veneto, nella prestigiosa XC del Palladio e dei Colli Asolani, per la Campionessa Europea Karin Tosato, ancora preceduta come nell’ultima gara di Niardo dalla veronese Lorena Zocca.

Terzo posto per Maurizio Brambilla nella cronometro individuale del 23 maggio a Lurago D’Erba, che riassapora il gusto del podio in una gara del Master Cicli Pozzi dopo l’annullamento dell’edizione 2020. Per finire, l’ultima nota è arrivato da una classica monumento del ciclismo orobico, la Ponteranica – Colle Maresana, corsa su strada in salita del Trofeo Scalatore Orobico conclusa da Cristian Boffelli al settimo posto.

Fotografia © MTB Channel

Triplo titolo regionale per Pavan Free Bike

Al Campionato Regionale di Niardo vale la regola del tre per Pavan Free Bike. Tre come i titoli regionali conquistati e tre come gli altrettanti terzi posti che gli atleti della squadra brianzola hanno calato sul piatto.

Prosegue alla grande la stagione 2021 di Pavan Free Bike e anche l’ultimo week end è stato ricco di soddisfazioni. Tre i titoli regionali che hanno preso la direzione del club brianzolo che ha centrato nella gara di Niardo (BS) un’altro degli obiettivi con i due assoli di Alberto Riva e Claudio Zanoletti e l’ottima prova di Giovanni Bartesaghi.

Gare come queste” – le parole del presidente Antonio Pavan“Sottolineano l’unità e la forza di un gruppo che ha tante frecce nel proprio arco, una gran bella realtà, un gruppo unico nel panorama amatoriale della mountain bike”

Significative conferme della maglia vinta nel 2020 a Pontida sono arrivate da Alberto Riva (Master 3), Giovanni Bartesaghi (Master 6) e Claudio Zanoletti (Master 7) mentre nella competizione bresciana non è riuscito a ripetersi Silvio Olovrap che si è dovuto accontentare della posizione d’onore tra i Master 5. Un risultato che lascia l’amaro in bocca al biker di Correzzana perchè condizionato da un problema meccanico al cambio che non gli ha consentito di giocarsi fino in fondo le possibilità di vittoria con il bresciano Carlo Manfredi Zaglio.

Andando con ordine, dopo averne conquistati tre nella categoria Master 2, il primo titolo regionale di Alberto Riva nella categoria Master 3 è stato costruito dal biker alessandrino sin dal primo giro con una progressione che ha lasciato il secondo a oltre un minuto: “Oggi ho corso concentrato sull’obiettivo della maglia, perché sapevo che per il team era uno degli obiettivi dell’anno, senza farmi distrarre dal fatto che correvamo insieme alle altre categorie. Il mio avversario principale di oggi, Simone Colombo è andato forte ed è stato impegnativo costruire il vantaggio. Obiettivo raggiunto, sono contento per il team che come sempre ci ha supportato alla grandissima”

Titolo regionale numero 8 per Claudio Zanoletti che è partito subito a tutta e ha inflitto agli avversari distacchi pesanti, mantenendo la sua imbattibilità in Lombardia che dura dal 2017: “Niardo per me é rimasta una delle gare più belle tra quelle cross country, quasi tutta nel bosco con radici, passaggi rocciosi naturali e strappi in salita piuttosto impegnativi. Ringrazio il team per l’assistenza in gara e il tifo e un presidente super Top”

Il secondo posto di categoria, alle spalle del veronese Magagnotti, è bastato a Giovanni Bartesaghi a conservare la maglia di Campione Regionale Lombardo. Il veterano di Brivio, dopo l’infortunio al gomito rimediato nella prima gara della stagione non ha ancora il ritmo gara giusto, ha provato sulla prima rampa a fare la differenza ma ha pagato lo sforzo, trovando poi un ritmo migliore nelle fasi finali, un buon segnale di una condizione in crescita.

Ai tre titoli regionali si è aggiunto il terzo posto tra le Master Woman di Karin Tosato che ha disputato un’ottima gara, conclusa con soli nove secondi di distacco alle spalle della tre volte Campionessa Italiana Lorena Zocca. Piazzamento identico per Giorgio Redaelli tra i Master 2 e Andrea Artusi (Master 4), mentre Giuseppe Mascheri (Master 2) e Carlo Penzo (Junior) hanno concluso al quarto posto.
Infine da registrare, le prove convincenti di Mario Nava (8. Master 6), Mirco Bertasa (9. Master 1), del Master 3 Stefano Bonadei, nono alla sua prima gara di stagione, seguito in classifica da Carlo Bruzzone, decimo.

In evidenza nella gara Open conclusa al nono posto, l’Under 23 Gianluca Cerri, tredicesimo Giulio Penzo.